Monza, simulano esplosione, invece è una truffa

Inserito da 2 Marzo, 2016 (0) Commenti

Si tratta di :Phishing e Truffe

coltello-ladro-mb

Una donna di settanta anni, residente a Monza, è stata truffata da due falsi tecnici dell’acqua che hanno inscenato un’esplosione in casa sua utilizzando dei petardi e poi sono fuggiti con oro, contante e gioielli.

Dopo aver convinto la pensionata ad aprire la porta per un controllo alle tubature, i due finti tecnici si sono divisi i compiti: mentre uno distraeva la padrona di casa, l’altro si è adoperato per far esplodere alcuni petardi in cucina e poi spruzzare uno spray che da quanto si apprende avrebbe convinto la padrona di casa di aver subito un serio danno al suo impianto idrico.

Spaventata dal botto e dal fumo, l’anziana ha acconsentito a “mettere al sicuro” in un sacchetto oro, denaro e gioielli di cui immediatamente i due uomini si sono impossessati, per poi fuggire.

Inutile il tentativo di bloccarli da parte del domestico filippino della donna che, dopo essere stato picchiato e accecato da uno spray al peperoncino, è riuscito a chiedere aiuto al 112. Sul posto è intervenuta la Polizia di Stato di Monza. Anziana e domestico sono stati accompagnati in pronto soccorso per dei controlli.

Fonte: http://www.mbnews.it/2016/03/monza-simulano-unesplosione-in-realta-fanno-una-rapina/

Categories : Phishing e Truffe Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Rosellina e Ledaccia

Inserito da 17 Novembre, 2008 (0) Commenti

Si tratta di :Storielle e Aneddoti

Cristina ci segnala questa storiella

C’era una volta un re che era rimasto vedovo con l’unica figlia, che si chiamava Rosellina. Poco tempo dopo si risposò con una donna che aveva un’unica figlia di nome Leda, ma che era così antipatica da essere soprannominata da tutti Ledaccia. In breve tempo Rosellina dovette cominciare a fare tutti i lavori più ingrati. Un giorno fu mandato nella foresta a prendere una scure che era stata dimenticata. C’erano tre colombe nella foresta, a cui Rosellina offrì del pane che aveva nella borsa.
Le tre colombe allora dissero: Voglio che sia bella il doppio che è! Voglio che i suoi capelli si trasformino in fili d’oro! E voglio che ogni volta che ride le escano delle perle dalla bocca! Rosellina tornò a casa e suscitò la gelosia della matrigna che mandò invece Ledaccia nel bosco. Ma Ledaccia cacciò via le tre colombe, che allora dissero: Voglio che diventi ancora più brutta! Voglio che i suoi capelli diventino un nido di spine! Voglio che ogni volta che ride esca dalla sua bocca un rospo.
Ledaccia riarrivò a casa e dopo che sua madre vide cosa le era successo, il suo odio per la figliastra aumentò. La fece imbarcare su una barchetta e la lasciò ai flutti. Rosellina naufragò su una spiaggia su cui trovò un cervo, un pino ed un usignolo, che diventarono i suoi unici amici. Per diverso tempo visse con loro, fin quando non passò di lì un principe, che si innamorò di lei e volle portarla al palazzo. Rosellina accettò a patto di portarsi dietro i suoi tre amici.
La notizia del suo prossimo matrimonio giunse alla sua vecchia casa. La matrigna e Ledaccia riuscirono a farsi ammettere in sua presenza e le buttarono addosso una camicia che la trasformò in un’oca d’oro. Allora l’usignolo e il cervo andarono da una maga che disse loro che far ritornare Rosellina normale dovevano cospargerla con gli aghi di pino.
Il principe era molto infelice per la perdita della sua fidanzata: ma un giorno sentì un usignolo che cantava fuori dalla sua finestra e un cervo che batteva. Gli aprì e loro entrarono ed andarono nella cucina, dove era nascosta l’oca d’oro, e la cosparsero degli aghi che avevano tenuto nelle zampe e nelle corna. La principessa ridiventò normale, sposò il principe e visse felice e contenta con lui ed i suoi amici della natura.

Categories : Storielle e Aneddoti Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Il convento del Bambù d’oro

Inserito da 4 Novembre, 2008 (0) Commenti

Si tratta di :Storielle e Aneddoti

Lucia ci invia questa storia cinese

In un lontano paese, dove la gente si nutriva di germogli di bambù, c’era un canneto di queste piante che, ogni anno, durante la notte che precede il Nuovo Anno, diventava per un’ora d’oro puro. Nessuno doveva tagliare i fusti d’oro, altrimenti, per cinque chilometri tutt’intorno, non sarebbe più nato dalla terra neppure un solo germoglio. Non lontano dal canneto, in un convento, abitava Wang, un monaco
solitario, che decise di rubare il bambù d’oro. La notte precedente il Nuovo Anno, attuò il suo piano; ma col suo coltello smussato riuscì a tagliare una sola canna, prima che l’oro si trasformasse di nuovo in bambù. Una sola canna d’oro non bastava a Wang! Rimandò quindi il suo piano. L’estate seguente, si presentò al convento un ragazzo; il monachello aveva solo dieci anni, ma Wang gli faceva
svolgere da solo tutto il lavoro. L’ultimo giorno dell’anno, Wang affilò il suo coltello; attese che il ragazzo si addormentasse, poi mise una pietra in equilibrio sulla porta del convento, in modo che cadesse in testa al monachello se avesse cercato di seguirlo. Wang si preparò ad uscire, ma nella fretta, imboccò la porta sbagliata, la pietra gli cadde in testa e lo tramortì. Quando si risvegliò, ormai era troppo tardi. Un giorno, durante l’ora in cui, come d’abitudine, il monaco era assente, giunse al convento un bambino che fece amicizia con il monachello e lo aiutò nel suo lavoro. Scomparve prima del ritorno di Wang, ma si ripresentò nei giorni seguenti. Un giorno, Wang rientrò prima del solito e sentì risa e grida; quando entrò, il bambino fuggì e scomparve in un canaletto. Wang lo seguì e notò che nel canaletto erano cresciute delle piantine particolari. Wang si rammentò di un’antica leggenda, secondo la quale ogni trecento anni da quelle piante nasceva
un bambino. Bisognava tenere il bambino prigioniero per cento giorni e poi mangiarlo, avrebbe ricevuto grandi poteri magici e sarebbe diventato immortale. Wang aspettò sette giorni, poi comparve all’improvviso davanti ai due compagni
di gioco e il bambino saltò nel canaletto. Ma Wang aveva preparato una trappola e catturò il bambino. Il monaco raccolse tra le piantine la radice dalla forma umana e si disse tutto contento: “I cento giorni termineranno proprio con l’arrivo del Nuovo Anno”. Poi, chiuse la radice in un baule che nascose con cura. Il mattino del centesimo giorno, Wang affilò due grossi coltelli e mise il bambino in un pentolone per farlo cuocere; ma, prima che fosse terminata la cottura, dovette allontanarsi. Ordinò al monachello di non aprire la pentola in nessun caso. Il giovane monaco si
sedette accanto al fuoco. Wang tardava e il delizioso profumino che proveniva dalla pentola aveva tanto incuriosito il monachello che alla fine sollevò il coperchio. Inutile dire come rimase nel vedere il suo amico nella pentola! Scoppiò a piangere, ma il bambino gli disse: “Non piangere, amico mio! Sbrigati a mangiarmi! Chi mi
mangia non morirà e otterrà poteri magici”. Il giovane rifiutò, ma il bambino gli intimò: “Se non lo fai tu, mi mangerà il monaco non appena sarà tornato!” Allora il
monachello obbedì e cadde in un sonno profondo. Quando Wang ritornò, trovò il monachello addormentato, notò la pentola scoperchiata e, quando scoprì che era vuota, montò su tutte le furie. All’improvviso, con suo immenso stupore, vide il monachello che si sollevava in aria fluttuando come una piuma per tutta la cucina. “Ho mangiato il bambino” disse il monachello “Possiedo grandi poteri magici e so che stai aspettando la notte per tagliare le canne d’oro”. Wang non poteva più nascondere le sue intenzioni e chiese grazia; per punirlo, il monachello lo trasformò in un bue d’oro e lo incaricò di sorvegliare le canne di bambù. Ogni volta che il bue strappava una foglia, il bambù diventava subito d’oro massiccio; ben presto, l’intero canneto risplendette d’oro e il convento diventò famoso con il nome di Convento del Bambù d’oro.

Categories : Storielle e Aneddoti Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

un vero amico…

Inserito da 26 Luglio, 2008 (0) Commenti

Si tratta di :Catene di Sant'Antonio

Un semplice conoscente,quando viene a casa tua,agisce come un invitato.

Un vero amico apre il tuo frigo e si serve.

Un semplice conoscente non ti ha mai visto piangere.

Un vero amico ha le spalle temprate alle tue lacrime.

Un semplice conoscente non conosce i nomi dei tuoi genitori.

Un vero amico ha i loro numeri di telefono nell’agenda.

Un semplice conoscente porta una bottiglia di vino alle tue feste.

Un vero amico arriva presto per aiutarti a cucinare e rimane fino atardi per aiutarti a pulire.

Un semplice conoscente detesta che tu lo chiami dopo l’orario in cui è abituato ad andare a dormire.

Un vero amico ti chiede come mai hai messo tanto tempo a chiamarlo.

Un vero amico si informa della tua romantica storia d’amore.

Un semplice conoscente potrebbe fare dell’ironia su questa.

Un semplice conoscente pensa che l’amicizia è finita dopo una disputa.

Un vero amico ti chiama dopo una disputa.

Un semplice conoscente si aspetta che tu sia sempre pronto per lui.

Un vero amico è sempre pronto per te.

Un semplice conoscente legge questo messaggio e lo cestina.

Un vero amico lo legge e lo reinvia.

Stai attento chè questo fatto è vero e troppo bizzarro. Invialo a circa 15 persone ,nei 14 minuti dopo premi F6 e tu vedraiapparire il nome della persona che è innamorata di tequesto fatto è bizzarro perchè funziona…..

Categories : Catene di Sant'Antonio Tags : , , , , , , , , , , , , , , , ,

La Catena di Sant’Antonio per diventare intelligente quanto una donna

Inserito da 30 Gennaio, 2008 (0) Commenti

Si tratta di :Catene di Sant'Antonio

TEMA DEL CORSO: diventare intelligente quanto una donna (quindi essere perfetti)

OBIETTIVO PEDAGOCICO: corso di formazione che permette agli uomini di sviluppare quella parte del cervello della quale ignorano l’esistenza

PROGRAMMA: 4 moduli di cui uno obbligatorio

MODULO 1: CORSO DI BASE OBBLIGATORIO
1. imparare a vivere senza la mamma (2000 ore)
2. la mia donna NON è MIA MAMMA (350 ore)
3. capire che il calcio non è altro che uno sport (500 ore)

MODULO 2: VITA A DUE
1. avere bambini senza diventare geloso (50 ore)
2. smettere di dire boiate quando la mia donna riceve i suoi amici(500 ore)
3. vincere la sindrome del telecomando (550 ore)
4. non fare la pipì fuori dal water (100 ore, esercizi pratici con video)
5. riuscire a soddisfare la mia donna prima che cominci a far finta(1500 ore)
6. come arrivare fino al cesto dei panni sporchi senza perdersi (500 ore)
7. come sopravvivere ad un raffreddore senza agonizzare (300 ore)

MODULO 3: TEMPO LIBERO
1. stirare in due tappe (una camicia in meno di due ore: esercizi pratici)
2. digerire senza ruttare mentre lavo i piatti (esercizi pratici)

MODULO 4: CORSO DI CUCINA
Livello1 (principianti): gli elettrodomestici: ON = ACCESO – OFF = SPENTO
Livello2 (avanzato): la mia prima zuppa precotta senza bruciare la pentola
Esercizi pratici: far bollire l’acqua prima di aggiungere gli spaghetti
APPROFONDIMENTI: sono inoltre previsti dei temi speciali di approfondimento a causa della complessità e difficoltà di comprensione dei temi i corsi avranno un massimo di 8 iscritti:
TEMA 1: il ferro da stiro; dalla lavatrice all’armadio: un processo misterioso
TEMA 2: tu e l’elettricità: vantaggi economici del contattare un tecnico competente per le riparazione (anche le più basilari)
TEMA 3: ultima scoperta scientifica : cucinare e buttare la spazzatura non provocano né impotenza né tetraplegia (pratica in laboratorio)
TEMA 4: perché non è reato regalarle fiori anche se sei già sposato con lei
TEMA 5: il rullo di carta igienica: ‘la carta igienica nasce da sola nel porta-rullo?’ (esposizioni sul tema della generazione spontanea)
TEMA 6: come abbassare la tavoletta del bagno passo a passo (teleconferenza con l’Università di Harward)
TEMA 7: perché non è necessario agitare le lenzuola dopo aver emesso gas intestinali (esercizi di riflessione di coppia)
TEMA 8: gli uomini che guidano possono chiedere informazioni ai passanti quando si perdono senza il rischio di sembrare impotenti (testimonianze)
TEMA 9: la lavatrice: questa grande sconosciuta della casa
TEMA 10: è possibile fare pipì senza schizzare fuori dalla tazza? (pratica di gruppo)
TEMA 11: differenze fondamentali tra il cesto della roba sporca e il suolo (esercizi in laboratori di musicoterapica)
TEMA 12: l’uomo nel posto del passeggero: è geneticamente possibile non parlare o agitarsi convulsamente mentre lei parcheggia?
TEMA 13: la tazza della colazione: levita da sé fino al lavandino? (esercizi diretti da Silvan)
TEMA 14: comunicazione extrasensoriale: esercizi mentali in modo che quando gli si dice che qualcosa è nel cassetto dell’armadio non domandi ‘in quale?’
Mandala:
– a tutte le donne per far fare loro 4 risate
– agli uomini che sappiano stare al gioco

Categories : Catene di Sant'Antonio Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Una catena dal titolo sei pugliese se…

Inserito da 23 Novembre, 2007 (0) Commenti

Si tratta di :Catene di Sant'Antonio

Sei pugliese se…
o sei pugliese se quando la mattina vai a far colazione al bar spendi meno di un euro!
o sei pugliese quando ti lamenti sempre della tua città ma quando sei fuori la vanti come se fosse il paese delle meraviglie!!!
o sei pugliese se quando vivi fuori, e fai colazione al bar, ti lamenti del fatto che assieme al caffè non t’hanno portato il bicchiere d’acqua per sciacquarti la bocca!
o sei pugliese se quando vai a farti una pizza con gli amici, il ristorante ti offre un giro di limoncello gratis.
o sei pugliese se, pur vivendo al Nord da dieci anni, non hai perso una virgola del tuo meraviglioso accento!!
o sei pugliese se sai come si cucina Patate, riso e cozze.
o sei pugliese se parcheggi la macchina da un abusivo senza farti problemi.
o sei pugliese se ti lamenti della cucina di chiunque (tranne della tua fidanzata o almeno finché non diventa moglie)
o sei pugliese se almeno una volta alla settimana hai una voglia matta di mangiare il crudo di mare.
o sei pugliese se nel cibo metti quintalate di aglio, prezzemolo, pane grattuggiato!
o sei pugliese se d’estate vai a ponente con sedie e tavolini e organizzi delle mangiate all’aperto
o sei pugliese se ogni amico lo chiami con ‘ ‘mba ‘ prima del nome.

Sei pugliese se…
o sei pugliese se tifi la tua squadra del cuore pugliese sperando che salga a breve in serie A per fare il culo alle grandi squadre e magari,sempre a culo,vinca lo scudetto!
o sei pugliese se speri in un miracolo.
o sei pugliese se cerchi lavoro e non ne trovi, e nel periodo continui a vegetare a casa dei tuoi.
o sei pugliese se ami così tanto il mare, che in sua assenza te lo sogni di notte.
o sei pugliese se credi che la precedenza ce l’ha chi se la prende.
o sei pugliese se pensi che i semafori siano inutili in città e che si debba dare più fiducia ai guidatori!
o sei pugliese se ami le chiese, le cattedrali e i palazzetti bassi della parte vecchia della tua città pugliese.
o sei pugliese se hai visitato quasi tutte le città della tua regione
o sei pugliese se riconosci dall’odore il perido della vendemmia e della spremitura dell’olio.
o sei pugliese se quando incontri fuori dalla Puglia un tuo corregionale ci fai amicizia in 2 minuti e vi raccontate la propria vita a vicenda, ricordando con nostalgia la propria città!
o sei pugliese quando ti mangi le vocali!
o sei pugliese quando vivi al nord e almeno una volta al giorno ti viene nostalgia della tua terra e della sua gente!
o sei pugliese se ridi anche nelle situazioni drammatiche e fai divertire la gente!
o sei pugliese se abiti al nord e dici ‘prendimi il coso’ e nessuno ti capisce!
o sei pugliese se lavori a nero pure tutta la vita
o sei pugliese se d’estate vai al lido della tua città, anche se il mare fa schifo
o sei pugliese se vai al mare a piedi.
o sei pugliese se ti fa schifo la lega nord
o sei pugliese se almeno una volta al giorno ti viene da cantare
o sei pugliese se in estate la prima volta che ti abbronzi, ti ustioni e spelli perché nn vedi l ora di abbronzarti subito.
o Ma sei pugliese soprattutto quando non ti vergogni della tua terra e ricordi sempre il luogo dove sei nato. Quando la esalti per il mare e la buona cucina, il sole caldo anche d’inverno, per l’ospitalità della gente e per tutte le bellezze che la rendono una terra splendida!!!
Orgogliosi di essere pugliesi.. sei pugliese anche se dopo aver letto questa e-mail nonvedi l’ora di mandarla a tutti gli amici e magari di farne una copia da appendere in camera!

Categories : Catene di Sant'Antonio Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

STORIELLA INDIANA

Inserito da 30 Ottobre, 2007 (0) Commenti

Si tratta di :Bufale e Hoax,Storielle e Aneddoti

Dedica due minuti a questa lettura, è molto bella.

Prima di leggerla, sappi che non è una cretinata, e che soltanto le persone

che hanno davvero un animo nobile e semplice possono veramente apprezzarla

… adesso, se sei sicuro/a di te, leggi!

STORIELLA INDIANA:

Il mio amico aprì il cassetto del comodino di sua moglie e ne estrasse
un pacchetto avvolto in carta di riso.

Questo, disse, non è un semplice pacchetto, è biancheria intima”.

Gettò la carta che lo avvolgeva e osservò la seta squisita e il merletto.

“Lo comprò la prima volta che andammo a NewYork ,8 o 9 anni fa”. “Non
lo usò mai.

Lo conservava per ‘un’occasione speciale’.” “Bene. Credo che questa
sia l’occasione giusta.

Si avvicinò al letto e collocò il capo di biancheria vicino alle altre
cose che avrebbe portato alle pompe funebri.

Sua moglie era appena morta. Girandosi verso di me disse: “non
conservare niente per un’occasione speciale,

ogni giorno che vivi è un’occasione speciale.

” Sto ancora pensando a queste parole ed a come hanno cambiato la mia vita.

Adesso leggo di più e pulisco di meno. Mi siedo in terrazzo e ammiro
il paesaggio,

senza fare caso alle erbacce del giardino.

Passo più tempo con la mia famiglia e gli amici e meno tempo lavorando.

Ho capito che la vita deve essere un insieme di esperienze da godere,
non per sopravvivere.

Ormai non conservo nulla. Uso i miei bicchieri di cristallo tutti i giorni.

Metto l’abito nuovo per andare al supermercato, se decido così e ne ho voglia.

Ormai non conservo il mio miglior profumo per feste speciali, lo uso
ogni volta che voglio farlo.

Le frasi ‘un giorno…’ e ‘uno di questi giorni ‘ stanno scomparendo
dal mio vocabolario.

Se vale la pena vederlo, ascoltarlo o farlo adesso.

Non sono sicuro di cosa avrebbe fatto la moglie del mio amico,

se avesse saputo che non sarebbe stata qui per il domani che tutti
prendiamo tanto alla leggera.

Credo che avrebbe chiamato I suoi familiari e gli amici intimi.

Magari avrebbe chiamato alcuni vecchi amici per scusarsi e fare la
pace per una lite passata.

Mi piace pensare che sarebbe andata a mangiare cibo cinese, il suo preferito.

Sono queste piccole cose non fatte che mi infastidirebbero, se sapessi
che le mie ore sono contate.

Infastidito perché smisi di vedere buoni amici con i quali mi sarei
messo in contatto ‘un giorno ‘.

Infastidito perché non scrissi certe lettere che avevo intenzione di
scrivere ‘uno di questi giorni ‘.

Infastidito e triste perché non dissi ai miei fratelli e ai miei
figli, con sufficiente frequenza, quanto li amo.

Adesso cerco di non ritardare, trattenere o conservare niente che

aggiungerebbe risate ed allegria alle nostre vite.

Ogni giorno dico a me stesso che questo è un giorno speciale. Ogni
giorno, ogni ora, ogni minuto…è speciale.

Se hai ricevuto questo messaggio, è perché qualcuno ti vuole bene e perché

ci sono persone alle quali probabilmente tu vuoi bene.

Se sei troppo occupato per prenderti alcuni minuti per mandarlo ad
altre persone

e dici a te stesso che lo spedirai “uno di questi giorni”. Quel giorno
può essere molto lontano,

o può non arrivare mai.

Questo TANTRA è arrivato dall’India. Che tu sia o no superstizioso,

concediti alcuni minuti per leggerlo.

Contiene messaggi molto utili per l’anima.

E’ un TOTEM

TANTRA NEPALESE

PER LA BUONA FORTUNA.

Ha già fatto il giro del mondo dieci volte.

ISTRUZIONI PER LA VITA:

mangia molto riso integrale dai alla gente più di quello che si
aspetta e fallo con gusto.

Memorizza la tua poesia preferita non credere in tutto quello che ascolti.

Non spendere tutto quello che possiedi e non dormire quanto vorresti.

Quando dici “ti amo”, dillo sul serio…

quando dici “mi dispiace”, guarda negli occhi la persona.

Mantieni un fidanzamento almeno sei mesi prima di sposarti.

Se credi nell’amore a prima vista, non prenderti gioco mai dei sogni
degli altri.

Ama profondamente e appassionatamente.

Puoi uscirne ferito, però è l’unico modo di vivere la vita completamente.

In caso di disaccordo, sii leale.

Non offendere non giudicare gli altri per i loro parenti, parla
lentamente, ma pensa con rapidità.

Se qualcuno ti fa una domanda alla quale non vuoi rispondere,

sorridi e chiedigli:
‘perché vuoi saperlo?’

Ricorda che il più grande amore, come i maggiori successi, comporta i
maggiori rischi.

Chiama la mamma e
dì “salute!” quando qualcuno starnutisce.

Quando perdi, non perdere la lezione, ricorda le tre “R”:

Rispetto verso te stesso;
Rispetto verso gli altri; Responsabilità per tutte le azioni.

Non permettere che un piccolo disguido danneggi una grande amicizia.

Quando ti rendi conto che hai commesso un errore, correggilo immediatamente.

Sorridi quando rispondi al telefono, chi ti chiama potrà sentirlo
della tua Voce.

Sposati con una persona cui piaccia conversare.

Quando sarete anziani, la vostra abilità nel conversare sarà più
importante di qualsiasi altra cosa.

Passa un po’ di tempo in solitudine, apri le braccia al cambiamento,
però non disfarti dei tuoi valori.

Ricorda che il silenzio è, a volte, la migliore risposta.

Leggi più libri e guarda meno la tv; vivi una vita buona e onorabile.

Più tardi, quando sarai vecchio e ricorderai il passato,

vedrai come la potrai godere per la seconda volta.

Abbi fiducia in Dio, ma chiudi bene la tua auto.

Un atmosfera amorosa in casa è importante.

Fai tutto il possibile per creare un ambiente tranquillo e armonioso.

In caso di disaccordo con i tuoi cari, dai importanza alla situazione
presente, non rinvangare il passato.

Leggi fra le righe e condividi le tue conoscenze. E’ un modo per
ottenere l’immortalità.

Sii gentile con il pianeta.

Non interrompere mai qualcuno che ti sta mostrando affetto.

Fatti i fatti tuoi.

Non fidarti di chi non chiude gli occhi quando ti bacia.

Una volta all’anno visita un luogo nel quale tu non sia mai stato.

Se guadagni molto denaro, mettilo a disposizione per aiutare gli altri
quando sei ancora in vita.

Questa è la maggiore soddisfazione che la ricchezza ti possa dare.

Ricorda che non ottenere quello che vuoi, a volte, è un colpo di fortuna.

Impara tutte le regole e poi infrangine qualcuna.

Ricorda che la migliore relazione è quella in cui l’amore fra due
persone è più grande della necessità che hanno una per l’altra.

Giudica il tuo successo in relazione a ciò a cui dovresti rinunciare
per ottenerlo.

Abborda l’amore e la cucina con un certo temerario abbandono.

Non conservare questo messaggio, il TOTEM TANTRA dev’essere lontano
dalle tue mani entro 96 ore.

Invia copie e osserva cosa accade nei prossimi quattro giorni…

…riceverai una sorpresa gradita.

E’ la verità, anche se non sei superstizioso.

Adesso, qui viene il bello.

Invia questo messaggio ad almeno 5 persone e la tua vita migliorerà.

0-4 persone: la tua vita migliorerà leggermente.

5-9 persone: la tua vita migliorerà secondo le tue aspettative!

9-14 persone: riceverai almeno 5 sorprese nelle tre settimane successive.

15 o più persone: la tua vita migliorerà drasticamente e tutto quello che

hai sempre sognato si realizzerà.

Categories : Bufale e Hoax,Storielle e Aneddoti Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,