Bello Figo a Trento, la bufala che riempie i giornali. Tra i boccaloni anche L’Adige stampato e online…

Inserito da 15 febbraio, 2017 (0) Commenti

Si tratta di :Bufale e Hoax

 

Stava per rivelarsi l’evento della settimana, polemiche annesse comprese. Bello Figo sarà a Trento al Capriccio House Club il 10 febbraio.. Per fortuna, di tutti, era solo una bufala.

Questa volta a fare la figura del boccalone è stato il giornale più diffuso in Trentino, L’adige, sia nella versione cartacea che in quella online. Prontissimo a dare subito la notizia di Bello Figo a Trento.

A rivelarlo il blog http://ilmucodifrutta.blogspot.it/ che non risparmia ironia per quanto successo.

fonte giudicarie

 

Categories : Bufale e Hoax Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Diventa Reato battezzare i bambini in Europa

Inserito da 19 marzo, 2016 (0) Commenti

Si tratta di :Bufale e Hoax

Si tratta di una bufala

 

E’ tornata in auge la vecchia bufala diffusa tempo fa da un sito web “satirico” Il Corriere del Mattino.
che ha per titolo  “Reato battezzare i bambini in Europa” dalla versione originale alcuni buontemponi hanno modificato versioni evarianti diffondendo questa bufala in diversi siti e blog, il contenuto della bufala per grandi linee è qualcosa del genere :

 La Corte Europea ha condannato l’Italia per aver violato i Diritti umani di una donna atea e agnostica e del suo figlio, neonato all’epoca dei fatti, la quale si era ribellata al battesimo del bambino e che il padre senza il consenso della moglie ha battezzato con il rito cattolico come da tradizione.

battesimo

 il testo completo ED INTEGRALE dell’articolo bufala è il seguente:

La Corte Europea ha condannato l’Italia per aver violato i Diritti umani di una donna atea e agnostica e del suo figlio, neonato all’epoca dei fatti, la quale si era ribellata al battesimo del bambino e che il padre senza il consenso della moglie ha battezzato con il rito cattolico come da tradizione.

Il caso è sorto con il ricorso della moglie che era stata condannata da un Tribunale italiano per minacce e abbandono del tetto coniugale, in quanto era contraria al battesimo del figlio fortemente voluto dal marito e dai nonni paterni e che chiedeva che il battesimo fosse giuridicamente annullato.

I giudici di Strasburgo spiegano nella sentenza, che non entra nell’ambito teologico-dogmatico:

L’Italia, permettendo il battesimo ai neonati viola la carta articolo 9 della Convenzione Europea in combinato disposto con l’articolo 14, in quanto i neonati non sono ancora in grado di intendere e di volere o emettere un atto personale e cosciente e, nella fattispecie sono obbligati e far parte di un associazione religiosa per tutta la vita. L’imposizione del rito chiamato sacramento tradisce il carattere di una dottrina che considera le persone come oggetti, il cui destino è deciso a loro insaputa da una organizzazione religiosa. Infatti, il battesimo impone al battezzato un sigillo indelebile, facendolo diventare a tutti gli effetti un iscritto e membro a sua insaputa e volontà e assoggettandolo alla suoi regolamenti e alla sua autorità. Come si evince nel canone 96 del Codice Cattolico di diritto canonico: «mediante il battesimo l’uomo è incorporato alla Chiesa di Cristo e in essa è costituito persona, con i doveri e i diritti che ai cristiani, tenuta presente la loro condizione, sono propri». Questa pratica lede il superiore interesse del bambino: sancito dall’art. 3, dalla Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia ratificata dall’Italia il 27 maggio 1991 con la legge n. 176. che prevede che in ogni decisione, azione legislativa, provvedimento giuridico, iniziativa pubblica o privata deve salvaguardare l’interesse superiore del bambino.”

Il Governo Italiano, entro 6 mesi (pena le sanzioni previste per le procedure di infrazione) dovrebbe adottare le relative riforme di Legge per rimediare alla violazione.

 ”Sono ovviamente entusiasta, è un’altro passo avanti verso il progresso e servirà soprattutto ai nostri figli” – ha commentato l’avvocato della donna, Dott. Gianni Battisti.    Mi auguro che l’odierna sentenza della Corte Europea dei Diritti Umani ci aiuti ad far approvare quanto prima una proposta di legge che presenteremo in parlamento con le 850000 firme già raccolte, che introduce il reato di violenza religiosa sui minori.”

Filippo Salomea – Corrispondente da Bruxelles

——–

Questa Bufala è stata ripresa anche da giornali on line e da blog e pubblicato nei vari social media in modo “indiscriminato”

Vi rendete conto che l’avvocato di chiama “Gianni Battisti ”  cioè “Giovanni Battista ” lascio a voi le considerazioni del caso…. guardacaso si chiama proprio così 😉

Categories : Bufale e Hoax Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Attenzione nuovo tentativo di imbavagliare la rete…

Inserito da 27 settembre, 2011 (0) Commenti

Si tratta di :News

Il ministro Alfano, torna alla carica con il ddl anti-intercettazioni che minaccia di mettere il bavaglio al web
Paradossalmente si vorrebbe introdurre l’obbligo per tutti i siti web, non solo quelli registrati, ma anche ai blog personali di pubblicare una rettifica entro 48 ore.
Dunque potrebbero fioccare multe fino a 12.000 euro per il blogger che non dovesse pubblicare una rettifica.
Vi lascio il link del disegno di legge n. 1611, leggi in particolare il comma 29 dell’art. 1.

29. All’articolo 8 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, e successive modificazioni, sono apportate le seguenti modificazioni:
a) dopo il terzo comma e` inserito il seguente: «Per le trasmissioni radiofoniche o televisive, le dichiarazioni o le rettifiche sono effettuate ai sensi dell’articolo 32 del testo unico dei servizi di media audiovisivi e radiofonici, di cui al decreto legislativo 31 luglio
2005, n. 177. Per i siti informatici, ivi compresi i giornali quotidiani e periodici diffusi per via telematica, le dichiarazioni o le rettifiche sono pubblicate, entro quarantotto ore dalla richiesta, con le stesse caratteristiche grafiche, la stessa metodologia di accesso al sito e la stessa visibilita` della notizia cui si riferiscono.»;
b) al quarto comma, dopo le parole: «devono essere pubblicate» sono inserite le seguenti: «, senza commento,»;
c) dopo il quarto comma e` inserito il seguente: «Per la stampa non periodica l’autore dello scritto, ovvero i soggetti di cui all’articolo
57-bis del codice penale, provvedono, su richiesta della persona offesa, alla pubblicazione, a proprie cura e spese su non piu` di
due quotidiani a tiratura nazionale indicati dalla stessa, delle dichiarazioni o delle rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini o ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro reputazione o contrari a verita`, purche´ le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto di rilievo penale. La pubblicazione in rettifica deve essere effettuata, entro sette giorni dalla richiesta, con
idonea collocazione e caratteristica grafica e deve inoltre fare chiaro riferimento allo scritto che l’ha determinata.»;
d) al quinto comma, le parole: «trascorso il termine di cui al secondo e terzo comma» sono sostituite dalle seguenti: «trascorso
il termine di cui al secondo, terzo, quarto, per quanto riguarda i siti informatici, ivi compresi i giornali quotidiani e periodici
diffusi per via telematica, e sesto comma» e le parole: «in violazione di quanto disposto dal secondo, terzo e quarto comma» sono sostituite
dalle seguenti: «in violazione di quanto disposto dal secondo, terzo, quarto, per quanto riguarda i siti informatici, ivi compresi i giornali quotidiani e periodici diffusi per via telematica, quinto e sesto comma»;
e) dopo il quinto comma e` inserito il seguente:
«Della stessa procedura puo` avvalersi l’autore dell’offesa, qualora il direttore responsabile del giornale o del periodico, il responsabile
della trasmissione radiofonica, televisiva, o delle trasmissioni informatiche o telematiche, ivi compresi i giornali quotidiani e
periodici diffusi per via telematica, non pubblichino la smentita o la rettifica richiesta».

Categories : News Tags : , , , , , , , , , ,

Rachel Weisz lascia Darren Aronofsky per Daniel Craig? Tutta una bufala

Inserito da 13 novembre, 2010 (0) Commenti

Si tratta di :Bufale e Hoax

Da un paio di giorni una notizia ha invaso i siti di gossip di tutto il mondo: è nata una nuova coppia hollywodiana. Pare però che anche questa volta i rumors abbiano preso un abbaglio e non sia vero che dalle ceneri di una relazione ne sia già iniziata un’altra.

Da una parte all’altra del mondo è infatti rimbalzata la notizia che Rachel Weisz avesse lasciato Darren Aronofsky per il suo compagno di set Daniel Craig. Tutto falso.

fonte Blog Panorama

Categories : Bufale e Hoax Tags : , , , , , , , , ,

Vulnerabilita’ in Adobe PhotoShop

Inserito da 26 agosto, 2010 (0) Commenti

Si tratta di :Exploits

:: Descrizione del problema

E’ stata identificata una vulnerabilita’ in Adobe PhotoShop che potrebbe essere sfruttata da un aggressore remoto per compromettere un sistema vulnerabile.

Tale vulnerabilita’ e’ causata dall’applicazione mentre carica librerie (ad esempio dwmapi.dll) in modo non sicuro, e potrebbe essere sfruttata per caricare librerie arbitrarie inducendo l’utente, per esempio, ad aprire file PSD situati su WebDAV o SMB share remoti.

La vulnerabilita’ e’ confermata su PhotoShop CS4 e CS5.
Anche altre versioni potrebbero essere affette.

:: Piattaforme e Software interessati

Adobe Photoshop CS4 11.x
Adobe Photoshop CS5 12.x

:: Impatto

Esecuzione remota di codice arbitrario
Compromissione del sistema

:: Soluzione

Al momento non e’ ancora disponibile una patch,
pertanto si raccomanda di non aprire file non fidati.

:: Riferimenti

Thierry Zoller:
http://blog.zoller.lu/2010/08/cve-2010-xn-loadlibrarygetprocaddress.html

Secunia:
http://secunia.com/advisories/41060/

Categories : Exploits Tags : , , , , ,

tab nabbing discovered a new technique to implement phishing attacks and deploy malicious scripts in pages

Inserito da 26 maggio, 2010 (0) Commenti

Si tratta di :ICT and Computer Security

original post in italian here

discovered a new technique to implement phishing attacks and deploy malicious scripts in pages.

Aza Raskin Firefox Creative leads the team announced that it is possible to tabnabbing.

in two words how work ? what is it?

The attack is elegant and simple: a user has multiple tabs open in your browser and visit a site with a specially crafted javascript code and moves from one tab to another, can be arbitrarily redirrezionato from page to page.

The intelligence of the code is to be able to access the history and customize the phishing attack, so if the PC used to access your account online bank  you can get a clone, attention always look good lock and control who has issued the SSL certificate as well as watch the address bar of your browser.

This technique was refined by the expert also commented that Aviv Raff has provided special fancy for curiosoni carry the link:

http://avivraff.com/research/phish/article.php?854817837

if you want to download the code, and study the exploits

http://www.azarask.in/blog/post/a-new-type-of-phishing-attack/

Categories : ICT and Computer Security Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

hai l’Alzheimer, prega che ti passa…

Inserito da 7 febbraio, 2010 (0) Commenti

Si tratta di :Curiosità

Si ringrazia Stefano per la segnalazione di questa curiosa storiella:

Verso la fine di gennaio è stata diffusa la notizia di uno studio, condotto dall’Università di Padova su 64 pazienti e pubblicato sulla rivista Current Alzheimer Research, secondo il quale la religiosità rallenterebbe la progressione dell’Alzheimer. In particolare, il gruppo di pazienti con “basso livello di religiosità” avrebbe avuto una perdita delle capacità cognitive del 10% in più rispetto agli altri con un livello di religiosità più alto. Uno degli studiosi che ha condotto i testi, il professor Enzo Manzato, ha affermato non solo che – prevedibilmente – “gli stimoli sensoriali provenienti da una normale vita sociale rallentano il decadimento cognitivo”, ma ha aggiunto che “sembra essere proprio la religiosità interiore quella in grado di rallentare la perdita cognitiva”. Intervistato in merito, Manzato aveva persino affermato che: “Non si tratta quindi di una ritualità cui si associano determinati comportamenti sociali, bensì di una vera e propria tendenza a ‘credere’ in una entità spirituale”.
Guido Romeo, giornalista del “Il Sole 24?, scrive sul suo blog che in realtà, leggendo il paper originale della ricerca in questione, le conclusioni sono un po’ diverse da come sono state presentate dai media, che hanno parlato di scoperta sensazionale. Per prima cosa, i ricercatori “hanno trovato un’associazione e non una correlazione” tra l’essere religiosi e la progressione più lenta dell’Alzheimer e non “un legame causale netto come invece titolato nel comunicato”. Gli autori, inoltre, “sono molto chiari e onesti nel dire che, purtroppo, non hanno gli strumenti per isolare l’importanza delle interazioni sociali nel rallentamento della malattia”, quindi ad esempio quanto incida la credenza in sè. Inoltre, lo stesso professor Manzato, che ha fatto certe dichiarazioni sui media, “non è nè ‘primo autore’, nè ‘ultimo nome’ (le posizioni solitamente riservate a chi ha effettivamente svolto la ricerca e chi l’ha supervisionata, tipicamente il capo del laboratorio), quindi forse non è il più titolato per spiegare il significato di questi studi”.
Romeo parla esplicitamente di “balla”, dato che ricercatori, al contrario di ciò che ormai è stato diffuso a livello mediatico, non hanno trovato correlazione tra livello di religiosità e progressione dell’Alzheimer.

fonte :  http://www.uaar.it/news/2010/02/06/religiosita-rallenta-alzheimer-bufala-corre-sul-web/

Categories : Curiosità Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

have Alzheimer’s, pray that God heals the disease …

Inserito da 2 febbraio, 2010 (0) Commenti

Si tratta di :English Articles,hoax,hoaxes

Thanks Stefano for the reporting of this curious story:

Towards the end of January was the news of a study conducted by the University of Padova on 64 patients and published in the journal Current Alzheimer Research, according to which religion would slow down the progression of Alzheimer .In particular, the group of patients with “low level of religiosity” would have had a loss of cognitive abilities by 10% compared to the others with a higher level of religiosity. One of the researchers who conducted the tests, Professor Enzo Manzato, said not only that – predictably – “sensory stimuli from a normal social life, slow the cognitive decline,” but added that “religion seems to be the inner one able to slow cognitive loss. Interviewed on, Manzano had even stated that: “It is not therefore a ritual which is associated with certain social behaviors, but a real tendency to ‘believe’ in a spiritual entity.”
Guido Romeo, journalist of “Il Sole 24”, writes on his blog that actually reading the original research paper in question, the findings are a bit ‘different from what have been presented by the media, who spoke of sensational discovery.
First, the researchers “have found an association and not a correlation” between being religious and slower progression of >Alzheimer The authors also are very clear and honest in saying that, unfortunately, do not have the means to isolate the importance of social interactions in the slowing of the disease, “and as such would affect the belief in themselves. Moreover, the same Mr. Manzano, who has made certain statements in the media, “is neither ‘first author’, or ‘last name’ (positions usually reserved for those who have actually done the research and who oversaw, typically . Head of the laboratory), so perhaps not the most successful in explaining the significance of these studies. ”
Romeo speaks explicitly of “dance”, as researchers, in contrast to what was already widespread in the media have not found a correlation between level of religiosity and progression of AlzheimerSource: http://www.uaar.it/news/2010/02/06/religiosita-rallenta-alzheimer-bufala-corre-sul-web/

Categories : English Articles,hoax,hoaxes Tags : , , , , , , , , , , , , , , , ,

Facebook hoax Bufala Haiti e American Airlines

Inserito da 20 gennaio, 2010 (0) Commenti

Si tratta di :Appelli Generici,Bufale e Hoax
In questi giorni sta rimbarzando su ogni blog, anche qualche giorno fa ho ricevuto un messaggio su facebook e anche tra il network dei Confratelli delle Misericordie, ma anche su altri network…

“ATTTENZIONE SI TRATTA DI UN HOAX, UNO SCHERZO DI CATTIVO GUSTO, E’ UNA BUFALA”

il  TAM TAM è già nell’aria, su internet impazzano folli richieste, ma tra le più “sciacalle” fa capolino proprio questa comunicazione che inonda le nostre caselle e gli amici su facebook. La catena ci suggerisce di mettere nel nostro stato ( la frasetta che mettiamo su facebook) che American Air Lines sarebbe disposta a trasportare gratuitamente medici e infermieri per dare il supporto necessario alla popolazione colpita dall’immane tragedia.
Il messaggio è più o meno questo, qualche sciacallo lo modifica a piacimento,  ne esistono diverse varianti :

ATTENZIONE = American Airlines porta gratuitamente a Haiti tutti i medici e le infermiere che lo chiederanno chiamando il +1 212-697-9767 +1 212-697-9767 +1 212-697-9767 +1 212-697-9767. Per piacere, copiatelo sulla v…ostra bacheca per farlo leggere a più persone possibile. Grazie!

Attenzione:  AMERICAN AIRLINES HA SMENTITO TUTTO QUESTO!

Il numero di telefono indicato nel messaggio corrisponde a quello del Consolato di Haiti a NewYork e  se diamo una rapida occhiata al sito della compagnia aerea non troviamo nessuna comunicazione in merito !(www.aa.com)

La compagnia aerea ” Non trasporta medici o infermieri gratuitamente .

Il Dipartimento nazionale della Protezione Civile sta inviando un Nucleo di valutazione nel Paese così duramente colpito.

Nell’immediatezza dell’evento ed in attesa che il Governo italiano decida gli interventi di aiuto possibili, la struttura di protezione civile delle Misericordie italiane ha ricevuto decine di chiamate dalle associazioni delle varie regioni che dichiaravano la propria disponibilità ad una partenza immediata.

Le Misericordie della Toscana hanno predisposto a Pisa l’attrezzatura completa di due PMA (Postazioni Mediche Avanzate) pronte alla partenza immediata con personale specializzato.

Il Direttore dell’UGEM (Ufficio Gestione Emergenze di Massa) delle Misericordie ha confermato la disponibilità di uomini e mezzi al Dipartimento Nazionale.

Le Misericordie Italiane hanno anche aperto una sottoscrizione in favore delle popolazioni colpite sul
c/c 000005000036, MONTE DEI PASCHI DI SIENA SPA, Firenze Agenzia 6,
IBAN: IT 03 Y 01030 02806 000005000036

oppure sul CONTO CORRENTE POSTALE N° 000021468509, Firenze Agenzia 29, IBAN:
IT 67 Q 07601 02800 000021468509

entrambi intestati a “Confederazione Nazionale” con causale “PRO HAITI”

se vuoi aiutare effettivamente la popolazione colpita effettua una donazione!

Il falso messaggio che vedeva protagonista l’AMERICAN AIRLINES è un classico esempio di come internet può essere usato per diffondere false informazioni che finiscono per creare effetti negativi per l’intera comunità non solo virtuale ma anche reale.

Categories : Appelli Generici,Bufale e Hoax Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,