Notizia Vera: Fece sesso con un cane, secondo il perito era capace di intendere

Inserito da 6 Marzo, 2016 (0) Commenti

Si tratta di :Curiosità

Si tratta di una Notizia Vera che ci disgusta !

Ogni commento è inutile poveri animali a volte stentiamo a crederci ma si tratta di un fatto di cronaca !

Riportiamo un articolo tratto da Gds.it

tribunale-palermo-535x300

PALERMO. Era capace di intendere e di volere, al momento del reato, l’uomo che l’anno scorso ha fatto sesso con un cane che si trovava in una villetta, in pieno giorno in via Liguria a Palermo. Lo dice una perizia psichiatrica ordinata dal gup Lorenzo Matassa.

L’imputato, denunciato dopo essere stato sorpreso con il cane, è un clochard cinquantenne palermitano accusato di atti osceni in luogo pubblico. Allo psichiatra l’uomo ha confermato di aver fatto sesso con il cane dicendo inoltre che non si trattava della prima volta.

La mente dell’uomo (anche se gli è stata diagnosticata una schizofrenia), secondo il perito del giudice, era lucida e integra quando commise il fatto. Egli stesso ha confessato di nutrire da tempo un amore per i cani che andava oltre le normali coccole, anche se avrebbe preferito andare con le donne, ma la sua condizione di indigenza non glielo consentiva.

Tutto era cominciato in uno scantinato qualche tempo fa. Dopo aver ascoltato il perito, il giudice ha deciso di sentire anche l’imputato, nella prossima udienza, per appurarne la reale lucidità e consapevolezza.

Categories : Curiosità Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Case riscaldate con pelli di orso polare

Inserito da 12 Febbraio, 2015 (0) Commenti

Si tratta di :Bufale e Hoax

Una bufala a fin di bene, per sensibilizzare  la collettività.

Ma in realtà è tutto falso, nessun orso è stato depilato, nessun orso è stato maltrattato è nessun orso è stato ucciso dalla Arsu System (nome di fantasia) . Si è trattato di un’idea per sensibilizzare a prendere coscienza dei cambiamenti climatici.

Orso_Polarefantomatica azienda svedese, Arsu Systems, che si proclamava paladina dell’eco-sostenibilità, ha annunciato di utilizzare la pelliccia degli orsi bianchi per farne isolanti per l’edilizia. Sono oltre 685mila persone coinvolte sui social network, più di 21mila insulti ricevuti e provenienti da 24 diverse nazioni del mondo, quasi 5mila sostenitori della petizione per dire stop al massacro dei poveri animali, oltre 1500 tweet inviati per esprimere sdegno e preoccupazione, al cuni dei quali carichi di insulti, più di 30mila visualizzazioni del video di presentazione dell’azienda. L’hashtag #siamotuttiorsi è dilagato nel giro di 72 ore. Tutti solidali e pronti a pigiare 4 tasti senza azionare il cervello. Ma in quale mondo può essere plausibile una storia del genere ? dove a Paperinia ? a Birbalandia ? dove ???? Ogni commento è superfluo !!

Segue un video dove spiegano i motivi della catena…

Categories : Bufale e Hoax Tags : , , , , , , ,

La bufala del chupacabra

Inserito da 15 Settembre, 2014 (0) Commenti

Si tratta di :Bufale e Hoax

Non serve essere appassionati di Voyager e Mistero per aver sentito parlare del chupacabra. Dalla sua comparsa nel 1995, la popolarità di questo moderno mostro è cresciuta tanto da collocarlo sul podio delle creature misteriose più note al pubblico, assieme a Nessie e al Bigfoot.

Ma come è nato il mito del chupacabra? La risposta è meno scontata di quanto potrebbe sembrare in apparenza. Un conto è infatti liquidare tutto ciò che è molto, ma molto, improbabile come una bufala, un altro è provare a esaminare il fenomeno con le lenti dello scetticismo scientifico e solo successivamente trarre le conclusioni.

L’unica persona al mondo che si è occupata del chupacabra usando questo rigoroso metodo, esaminando tutte le segnalazioni a partire dal 1995 in avanti, è lo scettico Benjamin Radford, e nel 2011 ha raccontato la sua avventura nel libro Tracking the chupacabraThe Vampire Beast in Fact, Fiction, and Folklore.

Le origini

El chupacabra nasce nell’isola di Puerto Rico. Una volta colonia americana, ora l’arcipelago in cui si trova costituisce un territorio associato agli Usa (Commonwealth), di cui adotta la moneta e altri regolamenti, senza però essere (ancora) un vero e proprio Stato della federazione. Nel marzo del 1995 cominciarono ad diffondersi strane voci: capre e altri animali da cortile venivano trovati morti e, apparentemente, dissanguati. Alla creatura responsabile degli attacchi venne dato il nome di “chupacabra” (succhia-capre). La prima descrizione dell’orribile bestia, e la più dettagliata, arrivò a settembre 1995. Verso metà agosto Madelyne Tolentino, casalinga della città di Canovanas, vide per la prima volta uno strano bipede con sottili arti anteriori e posteriori, dotato di grandi occhi rossi, privo di naso e orecchie, e con una cresta di spine sulla schiena. La sua storia cominciò a circolare, e grazie al pronto intervento del locale gruppo di ufologi, in settembre era pronto un vero e proprio identikit che, assieme alla storia, si diffuse capillarmente in tutta l’isola, finendo persino sulla prima pagina di uno dei quattro giornali di Puerto Rico, El Nuevo Dia.

Da quel momento gli avvistamenti successivi cominciarono, stranamente, a uniformarsi a questa dettagliatissima descrizione.

chupacabra (foto: Pubblico Dominio via Wikimedia Commons)

chupacabra (foto: Pubblico Dominio via Wikimedia Commons)

 Il chupacabra in Usa
Dopo Puerto Rico, cominciarono a circolare storie sul mitico animale in diverse parti dell’America Latina, fino a giungere anche in diversi stati americani caratterizzati da un’importante percentuale ispanica. In Texas cominciarono addirittura a spuntare delle carcasse del vampiro. Con la migrazione però, il chupacabra aveva anche cambiato forma: ora l’aspetto era quello di quadrupede glabro, o quasi, con diverse caratteristiche in comune con i cani e altri carnivori. L’unica caratteristica che rimaneva in comune con il chupacabra portoricano erano le vittime dissanguate che si diceva lasciasse dietro.

Per un qualunque esperto di fauna quelle carcasse non avevano nulla di strano: si trattava indubbiamente di canidi e, in un caso, di un procione. Tutti questi animali erano stati resi irriconoscibili ai profani dalla scabbia, una malattia causata da un acaro che, a uno stadio molto avanzato, può far perdere agli animali quasi tutti i loro peli corporei.

Tra gli individui raziocinanti (o privi di interessi economici: alcuni dei proprietari delle carcasse hanno costruito un piccolo businnes intorno al ritrovamento) l’esame del dna dei reperti e le dichiarazioni degli specialisti hanno di fatto messo fine alle speculazioni sui chupacabra americani: si trattava di normali animali il cui aspetto bizzarro poteva ingannare un allevatore, ma non certo un esperto di fauna selvatica.

1410452975_chupa

Soluzione del mistero

Cosa aveva dissanguato, allora, tutti gli animali? E come si spiega la strana creatura di Porto Rico? Per rispondere Radford doveva tornare alle origini del mito, e in particolare all’avvistamento che ha definito lo standard del chupacabra.

L’unico modo per stabilire che un animale è stato dissanguato, in tutto o in parte, è un’autopsia condotta da un esperto. Qualunque altra deduzione amatoriale, cioè l’assenza di sangue sul luogo dell’uccisione o anche l’incisione dei tessuti, non ha alcun valore. Un animale selvatico può infatti uccidere decine di animali da cortile senza lasciare dietro di sé uno spettacolo tarantiniano, perché la morte è per lo più dovuta a shock o trauma interno. Se poi, dopo diverse ore, si provasse a incidere le carni di una capra in un punto qualunque, sarebbe facile trovare tessuti esangui, ma solo perché il sangue, per gravità, si è raccolto nelle parti più basse del cadavere.

Ebbene, in nessun caso, né a Porto Rico, né altrove, nei (rarissimi) casi in cui sono state eseguite appropiate autopsie sulle presunte vittime del chupacabra, è stato riscontrato il dissanguamento. Se togliamo quindi il fondamentale particolare della mancanza di sangue dai corpi, la descrizione della scena del crimine è indistinguibile da quella di un attacco da parte un animale selvatico. E i credenti non possono pretendere di appellarsi all’esperienza degli allevatori, poiché allevare animali da reddito non rende automaticamente esperti in predazione. Radford, per esempio, sottolinea come il modo di cacciare dei coyote (una delle specie scambiate per chupacabra) può addirittura variare da individuo a individuo, ed è difficile che un allevatore possa conoscere di prima mano tutta la gamma.

Bisogna anche considerare che nel 1995 sull’isola di Porto Rico c’era un giornale in particolare che aveva preso a cuore la causa del chupacabra: si trattava del quotidiano El Vocero, un tabloid scandalistico che potremmo paragonare al nostro Cronaca Vera (o alla geniale parodia Trascendentale). Questo è il media che ha decretato la natura vampiresca della creatura, ed è più che lecito sospettare che abbia calcato la mano, riportando ogni razzia di un pollaio come un mistero insolubile.

Per quanto riguarda le fattezze del mostro, quanto è attendibile Madelyne Tolentino? Non occorre essere in malafede per sbagliarsi, e si può creare una bufala anche essendo genuinamente convinti che sia la verità. Non si tratta di pazzia o ignoranza, ma di un processo noto in psicologia come confabulazione. Eventi mai accaduti possono installarsi nelle nostre menti e diventare indistinguibili dai ricordi reali, che a loro volta sono continuamente rielaborati dalla nostra mente.

La tesi di Radford è che la creatura vista dalla Tolentino sia stata in realtà ispirata dal film di fantascienza Species (1995). Nella pellicola gli scienziati del Seti captano una trasmissione extraterrestre che contiene le istruzioni per mescolare dna alieno e dna umano. Nasce una creatura, battezzata Sil, e naturalmente ci si rende presto conto della sua natura letale.

Le sequenze iniziali del film sono proprio ambientate a Puerto Rico, perché qui si trova, infatti, il celebre radiotelescopio di Arecibo che nel 1974 ha inviato nello spazio un segnale diretto agli extraterrestri, ed è a questo che, nella finzione cinematografica, gli alieni hanno risposto con le istruzioni per creare la letale Sil.

Le caratteristiche principali dell’ibrido umano-alieno, nato dal genio di H. R. Giger (lo stesso di Alien) sono sorprendentemente simili a quelle del chupacabra di Tolentino, e anche la descrizione del modo di muoversi combacia.

1410360951_SilSpecies_005-1-600x335

La Tolentino, nel 1996, aveva anche raccontato di aver visto il film nelle settimane precedenti all’avvistamento e si diceva stupita di quanto il chupacabra somigliasse e Sil. La somiglianza è, se vogliamo, ancor più profonda se consideriamo come una delle più popolari teorie sulle origini del chupacabra, nonché proprio quella abbracciata dalla casalinga, fosse proprio quella di un esperimento di los americanos sfuggito al controllo.

Non è nemmeno la prima volta che Hollywood riesce a trasportare un mostro nella realtà, per esempio è successa la stessa cosa con Nessie: la familiare immagine di un animale col lungo collo che emerge dalle acque è stata ispirata da una scena all’interno del film King Kong (1933), e solo da lì in avanti le descrizioni dei testimoni hanno cominciato a convergere su una forma comune. In altre parole, le persone non solo tendono a vedere quello che sperano o temono di vedere, ma anche a obbedire alle norme sociali e riportare quello che gli altri si aspettano di sentire.

Come nella favola I vestiti nuovi dell’imperatore di Andersen, ci vuole uno scettico che ogni tanto gridi “Il re è nudo!“.

Articolo scritto da Stefano Dalla Casa su Wired

Categories : Bufale e Hoax Tags : , , ,

La bufala della renna rubata e mangiata dai rom

Inserito da 28 Dicembre, 2013 (0) Commenti

Si tratta di :Bufale e Hoax

bufala-renna-rubata-arrostita-rom-2SI TRATTA DI UNA NOTIZIA FASULLA

da alcuni giorni circola la falsa notizia della renna rubata e mangiata dai rom. Queste notizie costruite ad arte non hanno alcun fondamanento. E’ solo una maniera per incitare l’odio razziale. Non è opportuno mettere in giro sopecialmente nei social network queste bufale, perchè ci sono tanti bambini he leggono e un fatto del genere non fa altro che urtare la sensibilità dei bambini. Soltanto un mostro metterebbe on line tali bufale. Nella falsa notizia leggiamo che il furto sarebbe avvenuto in un ipermercato Auchan di Udine nella serata del 24 dicembre, mentre il successivo ritrovamento ad opera dei carabinieri del comando della stazione Udine ovest sarebbe avvenuto poche ore dopo la scomparsa dell’animale in un campo nomadi della periferia del capoluogo. Ovviamente la notizia fasulla ha urtato la sensibilità degli animalisti e di tutti coloro che hanno a cuore uno dei principali simboli della festività natalizia e dell’attaccamento dei bambini al rito dei regali da scambiarsi allo scoccare della mezzanotte. Ma la bufala ha anche fornito un comodo assist a chi ama regolarmente sollevare l’allarme per i reati commessi dagli stranieri nel nostro paese. Il risultato è un rapido rimablzare di bacheca in bacheca che ha generato decine di tweet e migliaia di condivisioni e like su Facebook.

che dire… evitiamo di far girare tali stupide notizie e catene.

Categories : Bufale e Hoax Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Un amico per il gatto

Inserito da 10 Novembre, 2008 (0) Commenti

Si tratta di :Storielle e Aneddoti

Stafania ci invia questa storia

Il gatto passeggiava da solo nella savana africana e si annoiava; per cui, si disse: “Voglio trovarmi un amico; non intendo più stare da solo”.
Sulla sponda del fiume, sentì gracidare una rana. “Ecco qualcuno che vorrei avere come amico; le rane sanno davvero molte cose”.
Così, si rivolse alla rana: “Sto cercando un amico, se vuoi, possiamo chiacchierare insieme”.
La rana saltò sulla sponda, si accovacciò accanto al gatto e i due animali cominciarono a discorrere tranquillamente. Più tardi, passò nei paraggi una gazzella sgambettando allegramente; era alquanto distratta, non si accorse della rana e la schiacciò. Il gatto rincorse la gazzella, gridando: “Fermati! Fermati!”
La gazzella si fermò e lo guardò con i suoi grandi occhi dolci. Il gatto le disse: “Anch’io posso correre velocemente; se vuoi, possiamo diventare buoni amici. Lasciami venire con te”.
Così si incamminarono insieme nella savana, discorrendo allegramente. Non videro però un leopardo che stava avanzando verso di loro, nascosto tra l’erba.
All’improvviso, il leopardo aggredì la gazzella e la divorò in un sol boccone! Il gatto osservò il leopardo e gli disse: “Sto cercando un amico; noi apparteniamo alla stessa famiglia e se lo desideri possiamo restare insieme”.
Mentre mangiava la gazzella, il leopardo gli lanciò un’occhiata amichevole. Quando ebbe terminato il pasto, si leccò i baffi, si stiracchiò e si distese accanto al gatto. Poi, cominciarono a parlare come due vecchi amici. Durante la digestione, il leopardo, insonnolito, si distrasse; pertanto, non vide l’elefante che stava uscendo
dalla foresta. Gli elefanti detestano i leopardi, ma l’animale non ebbe il tempo di fuggire; l’elefante si avventò contro di lui e lo trafisse con le zanne: povero leopardo!
Il gatto disse all’elefante: “Come sei grande e forte! Se vuoi, possiamo diventare amici; chiacchieriamo un po’”. L’elefante si sdraiò sull’erba, il gatto si avvicinò al suo orecchio e gli raccontò tutto quello che aveva appreso discutendo con la rana, con la gazzella e con il leopardo. L’elefante era molto interessato e si divertì un
mondo; nel frattempo, alcuni uomini si avvicinarono senza far rumore, nascondendosi tra i cespugli. Erano cacciatori e con frecce e lance colpirono a morte l’elefante che cadde a terra stecchito. Povero elefante!
Il gatto si disse: “Sono proprio sfortunato! Tutti i miei amici sono stati uccisi uno
dopo l’altro, persino l’elefante che era così grande e forte. Questi cacciatori sono ancora più forti; non mi resta che andare con loro”.
I cacciatori ritornarono al loro villaggio e il gatto li seguì; ognuno rientrò nella
propria capanna. Il gatto seguì il capo dei cacciatori, finché questi giunse davanti alla sua dimora. La moglie lo stava aspettando sulla soglia e gli chiese: “Che cosa hai portato da mangiare per cena?”
“Ho ucciso un elefante” rispose con orgoglio il cacciatore.
“Ah, si?” rispose la moglie “E dov’è la carne?”
Il cacciatore si sedette e le disse: “Sono molto stanco, inoltre fa davvero caldo; andrò a cercare la carne più tardi.”
“Non se ne parla nemmeno! Alzati, pigrone, e vai subito a prendere la carne!”. Gridò così forte che il cacciatore si alzò e uscì a cercare la carne. Allora il gatto cominciò a strusciarsi contro le gambe della moglie del capo, facendo le fusa.
“Sei così forte, miao! Sei certamente tu la più forte! Se lo desideri, potrò essere tuo amico e ti racconterò molte cose.”
“Va bene” rispose la donna sorridendo, poi, si abbassò per accarezzarlo. Da quel giorno, la donna e il gatto diventarono grandi amici. Di notte, mentre il gatto
passeggiava nella savana, imparava ogni sorta di segreti e misteri. Al mattino, veniva a strusciarsi contro le gambe della donna, che se lo prendeva sulle ginocchia, e le raccontava tutti i suoi segreti, facendo le fusa. “Sei indubbiamente tu la più forte!”

Categories : Storielle e Aneddoti Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Perchè l’elefante è grande

Inserito da 8 Novembre, 2008 (0) Commenti

Si tratta di :Storielle e Aneddoti

Andrea ci invia questa storia africana

Narra una leggenda africana che, all’origine del mondo, l’elefante aveva la statura degli altri animali, nonostante ciò era il più prepotente, voleva comandare su tutti ed essere servito e riverito come un re.
Gli abitanti della savana, stanchi delle sue prepotenze, si riunirono di nascosto in assemblea e dissero:
– Non vogliamo più sopportare le angherie dell’elefante, tutti noi viviamo nel terrore, ogni protesta e ogni ragionamento non sono serviti a niente. E’ ora che facciamo qualcosa per fargli capire le nostre ragioni.
Discussero a lungo fino a che, di comune accordo, decisero di dargli una sonora lezione.
Invitarono il prepotente in un’ampia radura dove gli avevano apprestato un ricco banchetto per abbonirlo e per tenerlo occupato.
L’elefante aveva accettato ben volentieri, tutto contento di essere così ossequiato; mentre era assorto a gustare il pranzo, gli animali lo circondarono e cominciarono a dargli tante botte con le zampe e con le corna sino a gonfiarlo tutto, da capo a piedi!
Il malcapitato, alquanto malconcio, andò a tuffarsi nel vicino fiume per dare refrigerio alle tante ferite che aveva sul corpo.
Gli ci vollero parecchi giorni per guarire e, quando i dolori furono passati e le piaghe rimarginate, l’elefante, specchiandosi nell’acqua del fiume, vide che il suo corpo era rimasto tutto gonfio, enorme, pesante! Soltanto le orecchie erano rimaste come prima e certamente non facevano bella figura in quel suo grande testone!
Era diventato il più grande animale della savana, ma il suo potere era finito!
Ora non avrebbe più potuto comandare nemmeno sugli animali più piccoli perché la sua grande mole avrebbe ricordato a tutti la lezione avuta nella radura.
E fu così che l’elefante, da quel giorno, prese a camminare con le orecchie abbassate… per la vergogna.

Categories : Storielle e Aneddoti Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

L’imperatore e il gatto

Inserito da 5 Novembre, 2008 (0) Commenti

Si tratta di :Bufale e Hoax

Lucia ci segnala questa storia Cinese

C’era una volta un imperatore che viveva in un immenso palazzo, circondato da molti consiglieri e servitori incaricati di soddisfare ogni suo minimo capriccio. Non
aveva né la necessità né il desiderio di mettere il naso fuori dei suoi appartamenti e non aveva la più pallida idea di come vivessero i suoi sudditi. Non usciva neppure nel suo magnifico parco e gli unici animali che conosceva erano i suoi cani, che si crogiolavano tutto il giorno su cuscini di seta. Un giorno, l’imperatore che sonnecchiava comodamente disteso sul suo divano, fu svegliato da uno strano rumore.
Aprì gli occhi e vide una strana creatura. Era un essere minuscolo, di colore grigio, con una lunga coda e piccoli occhi intelligenti. L’imperatore lanciò un grido e corse
terrorizzato a chiudersi nella sua stanza. “Un mostro si è introdotto a palazzo!” Dopo una settimana, l’imperatore se ne stava ancora nella sua stanza, lamentandosi rannicchiato sotto le coperte. Il mostro in libertà divorava non solo le provviste, ma anche i preziosi abiti dell’imperatore. Anche i cani fuggivano guaendo. I consiglieri, inquieti, si consultarono. Decretarono dapprima di ingraziarsi il favore
del mostro salutandolo con profondi inchini e bruciando incenso in suo onore. Poi, incaricarono il pittore di corte di eseguire trecento ritratti della creatura, sotto la cui immagine scrissero: “Il potente Imperatore offre diecimila tael all’uomo valoroso che vincerà questa bestia mostruosa”.
I trecento manifesti furono affissi in tutta la città. Quando gli abitanti lessero il proclama, le risa risuonarono ovunque: il ritratto rappresentava un topolino grigio simile a molti altri che visitavano, ospiti sgraditi, le case degli abitanti. Tra la folla, c’era anche un giovane molto scaltro, che subito pensò: “Ecco un’ottima occasione per arricchirmi senza fatica!”
Catturò un grosso gatto nero, lo mise in un sacco e corse a palazzo. Quando spiegò il motivo della sua visita, lo fecero subito entrare; rimase stupefatto nel trovare l’imperatore e la sua famiglia che si prosternavano davanti a un tavolo su cui troneggiava il topo, che stava assaporando un enorme piatto di riso.
“Vengo a liberarvi dal mostro!” disse inchinandosi in segno di rispetto. Poi, aprì il sacco, il gatto balzò sul tavolo e inghiottì il topolino in un sol boccone. L’imperatore esclamò: “Questa creatura meravigliosa sa fare prodigi! Voglio tenerla come guardia del corpo!”
“Ma è il bene più prezioso che possiedo!” rispose il ragazzo serio “Non sono
disposto a separarmene, a meno che voi mi diate il doppio della ricompensa!” L’imperatore gli consegnò ventimila tael e, tornato a casa, il ragazzo diede una sontuosa festa.
Tutti risero ascoltando la sua storia, ma un ricco vicino si mise a riflettere: “Se questo ragazzo ha ricevuto una simile ricompensa per un volgare gatto, potrei ottenere ancora di più dall’imperatore! Ma come?”
Poco tempo dopo, i messaggeri annunciarono per tutto il paese la notizia che
l’imperatore cercava ragazze di bell’aspetto per servire a palazzo. Tutti gli abitanti nascosero le loro figlie, poichè sapevano come sarebbero state trattate a corte. Ma il ricco vicino fece salire la figlia su una portantina e si mise in cammino verso la capitale.
L’imperatore lo accolse cordialmente: “Un padre che porta personalmente la figlia
per metterla al mio servizio! Ecco un bel regalo che merita una lauta ricompensa.” Sussurrò una parola a un servitore, che ritornò un attimo dopo con una cosa. “Ti regalo la cosa più preziosa che possiedo” disse l’imperatore “Questa creatura magica mi ha liberato dal mostro che infestava il mio palazzo, ma, visto che non ne ho più bisogno, te lo dono volentieri.” E il ricco, confuso, ripartì con il gatto
nero.

Categories : Bufale e Hoax Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

La fanciulla del melone

Inserito da 29 Ottobre, 2008 (0) Commenti

Si tratta di :Storielle e Aneddoti

aiko ci invia questa storia dal Giappone

C’erano una volta una coppia di anziani coniugi. Un giorno il marito andò a fare legna e la moglie a fare il bucato in un ruscello vicino. Ad un tratto vide galleggiare verso di lei un bellissimo melone: adorandoli decise di prenderlo per poi mangiarselo con il marito. Alla sera il marito tornò a casa molto affamato e fu felice di trovare il melone, lo aprirono e dentro trovarono una bellissima bambina: ne furono felici perché non avevano avuto figli. Passò del tempo, e la bambina crebbe e diventò una bellissima ragazza. Un giorno, il figlio del signore di quella zona la vide, e decise di sposarla. Nella foresta vicino alla casa della fanciulla, viveva però un’orchessa, gelosa della sua felicità. Un giorno nel quale i genitori si erano allontanati e la ragazza era rimasta sola in casa, l’orchessa bussò alla sua porta, fingendosi una vecchia saggia. La ragazza le aprì e venne rapita, fu chiusa in una caverna profonda e l’orchessa prese le sue sembianze. Quando i genitori tornarono a casa, si accorsero che c’era qualcosa che non andava nella loro figlia: era scontrosa, non aveva dato da mangiare al suo Neko, il gatto di casa, lo trattava male e non parlava del suo principe. Capirono che era successo qualcosa. Neko, il gatto, aveva capì tutto per primo: per questo si allontanò non visto ed andò nella foresta. La ragazza era molto amica dei Tanuki, i tassi della foresta. Neko chiese loro dove fosse nascosta: gli indicarono la caverna e Neko la liberò. Nel frattempo era arrivato il fidanzato che anche lui non capiva il cambiamento della sua amata. Improvvisamente sentì dei versi di animali provenire da fuori: uscirono e videro la fanciulla che arrivava con il gatto, i tanuki e altri amici animali della foresta. Vistasi scoperta, l’orchessa fuggì inseguita dagli animali e sparì per sempre. La fanciulla del melone sposò il figlio del signore, e non dimenticò mai i suoi genitori, la foresta ed i suoi amici animali.

Categories : Storielle e Aneddoti Tags : , , , , , , , , , , , , , , ,

Perchè Dio ha creato gli animali domestici???

Inserito da 26 Ottobre, 2008 (0) Commenti

Si tratta di :Catene di Sant'Antonio

Cristina ci segnala una catena di San’Antonio
sui nostri cari amici animali

Perchè Dio ha creato

gli animali domestici???

Aiutano in casa…

Proteggono I nostri bambini…

Ci insegnano a rilassarci…

Tengono conversazioni interessanti…

Non vi lasciano cadere…

Sono decorativi durante le feste…

Vedono in grande…

Hanno senso di patriottismo…

Sono felici di testare la temperatura

dell’acqua …

Adorano i loro peluches…

Sanno chi comanda…

E … sanno come farvi

SORRIDERE!!!!!!!!

VI HANNO VISTO SORRIDERE OGGI??

Ci si arriva spingendo

gli angoli della bocca

verso l’alto!!

ASPETTATE…

ORA VI MOSTRO

COME SI FA!!!!

ED ORA INVIATELA AI VOSTRI AMICI…

E REGALATE LORO UN SORRISO!!!!!

Categories : Catene di Sant'Antonio Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Appello Greepeace PETIZIONE PER UNA RIVOLUZIONE ENERGETICA PULITA IN ITALIA

Inserito da 14 Ottobre, 2008 (0) Commenti

Si tratta di :Appelli Generici
APPELLO VERO

Appello Greepeace – petizione PETIZIONE PER UNA RIVOLUZIONE ENERGETICA PULITA IN ITALIA.
puoi firmare la petizione on line a questo indirizzo
http://www.greenpeace.org/italy/campagne/clima/nocarbone_petizione

di seguito il testo della petizione:

On. Presidente del Consiglio,
On. Ministro Claudio Scajola,

i cambiamenti climatici sono la più grave minaccia ambientale, economica e umanitaria che l’uomo si trova ad affrontare. Milioni di persone nel mondo stanno già oggi subendo gli effetti del fenomeno . Con un aumento della temperatura media globale di oltre 2°C, il 20-30% delle specie animali e vegetali sul Pianeta rischia l’estinzione. Siamo già oggi in piena emergenza clima.

È necessaria una rivoluzione energetica basata sulla progressiva riduzione dell’uso dei combustibili fossili, a partire dal carbone, e dallo sviluppo delle alternative veramente pulite: efficienza e fonti rinnovabili. Le scriviamo per chiederle di:

1. introdurre una moratoria per nuove centrali a carbone
2. presentare un serio piano per l’efficienza energetica per conseguire l’obiettivo europeo al 2020
3. sviluppare le fonti rinnovabili come richiesto dagli obiettivi europei al 2020
4. abbandonare l’idea di un ritorno al nucleare in Italia.

Le ragioni di questa nostra posizione sono semplici:

Il carbone è la prima singola fonte del riscaldamento globale: circa un terzo delle emissioni mondiali di CO2 si devono alla sua combustione. Agli attuali tassi di sviluppo, le emissioni del carbone sono destinate ad aumentare del 60% al 2030. Se così fosse, non avremo alcuna speranza di fermare la folle corsa del Pianeta verso una crisi climatica irreversibile.

L’efficienza energetica è senza dubbio la più conveniente e ampiamente disponibile delle opzioni amiche del clima e un obiettivo del 20 per cento è tecnicamente fattibile ed economicamente conveniente. Per i soli usi elettrici è possibile tagliare i consumi in Italia per 100 miliardi di kWh/anno al 2020 con benefici economici netti di 65 miliardi di euro e occupazionali nell’ordine dei 60.000 posti di lavoro.

Le fonti rinnovabili, oltre a tagliare le emissioni, consentono anche di ridurre le importazioni energetiche. Nel solo settore elettrico, i 50 miliardi di kWh/anno aggiuntivi al 2020 taglierebbero le emissioni per 25 milioni di tonnellate e permetterebbero un risparmio annuale di 10 milioni di tonnellate di petrolio equivalenti, pari a un risparmio stimato delle importazioni di petrolio di 7,6 miliardi di euro.

Non accettiamo il ricorso al nucleare proposto dal governo. È una tecnologia costosa e rischiosa, che non ha risolto nessuno dei problemi che da sempre ha posto: dai rischi di incidente grave alla gestione delle scorie, dalla proliferazione nucleare alla limitatezza della risorsa Uranio. Il piano nucleare del governo energeticamente è solo un terzo del potenziale di efficienza e fonti rinnovabili.

La costruzione di nuove centrali nucleari e impianti a carbone è contro la politica energetica dell’Unione europea, che ci chiede di promuovere rinnovabili ed efficienza con obiettivi vincolanti al 2020. L’attuale strategia energetica del governo è dunque contro Kyoto (sia per la prima fase che ha termine al 2012, che per gli obiettivi di medio termine al 2020), contro l’Ue e contro l’interesse dei contribuenti italiani, su cui ricadranno le sanzioni per l’inadempienza del nostro Paese agli accordi internazionali.

Anche il Presidente della Commissione Europea, José Manuel Barroso, ha ribadito che “conseguire la copertura del 20% del fabbisogno energetico europeo con le fonti rinnovabili significherà più di un milione di posti di lavoro al 2020. Per questo oggi è più importante che mai andare avanti con il pacchetto clima/energia, non a dispetto della crisi finanziaria, ma proprio a causa di questa crisi.”

Cordiali saluti,

Categories : Appelli Generici Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,