Truffa Gadget con microchip localizzatori regalati nelle aree di servizio dei Benzinai

Inserito da 1 Marzo, 2016 (0) Commenti

Si tratta di :Bufale e Hoax

Ritorna la Bufala del Gadget Hard che ti spia !
essendo un regalo risulta difficile rifiutare,
e proprio da piccole cose si alimenta questa stupida bufala,
ma potete star tranquilli è una bufala in tutte e tre le versioni !!

segue una prima versione a luci rosse
sex-toys11

ATTENZIONE!!
In questi giorni nelle aree di parcheggio e nei distributori di benzina alcune ragazze avvenenti in abiti succinti con la complicità del gestore della pompa di benzina vi regalano gratis portachiavi e sex toys da usare in macchina o altrove.
NON ACCETTATELI ASSOLUTAMENTE e SE PROPRIO NON RESISTETE BUTTATELI VIA!
Al loro interno c’è un microchip che segnala la vostra presenza in casa, quando uscite loro sono al corrente di dove vi troviate
e vi entrano in casa proprio nel momento di massimo utilizzo dell’oggetto. Sapendo che siete molto occupati in quel preciso momento e possono entrare nella vostra abitazione o smontarvi le ruote della macchina con voi all’interno senza preoccupazioni. Dicono che fanno a turno a volte sono nigeriani a volte dell’est europa.  Questa è l’ultima pensata di alcuni malviventi dell’Est Europa e nigeriani per fare furti nelle nostre case e rubare parti della vostra macchina. Da fonte sicurissima…..

 

segue una seconda versione

******************************

ATTENZIONE!!
In questi giorni nelle aree di parcheggio e nei distributori di benzina alcune persone vi regalano gratis portachiavi per la macchina o la moto,
NON ACCETTATELI ASSOLUTAMENTE O BUTTATELI VIA!
Al loro interno c’è un microchip che segnala la vostra presenza in casa, quando uscite loro sono al corrente di dove vi troviate in quel preciso momento e possono entrare nella vostra abitazione senza preoccupazioni.
Questa è l’ultima pensata di alcuni malviventi dell’Est Europa per fare furti nelle nostre case. Da fonte sicura…..

******************************

portachiavi-soft-PVC

  Al suo interno, secondo l’avviso che arriva in posta elettronica o attraverso i vari social network, vi sarebbe un microchip che emette un segnale che consente ad un complice di seguire chi riceve il portachiavi fino a casa e di controllare di conseguenza gli eventuali movimenti del possessore, qualora lo usasse realmente come portachiavi.

segue una terza versione

Il testo è quasi lo stesso, solo che hanno aggiunto COMUNICATO ASCOM (totalmente estranea) all’inizio per rendere più credibile la bufala e in poche ore sono già migliaia le condivisioni su Facebook!

“Comunicato ASCOM
ATTENZIONE,
IN QUESTI GIORNI VENGONO DISTRIBUITI DEI PORTACHIAVI DA AGGANCIARE ALL’INTERNO DELLA VOSTRA AUTO; LE PERSONE VE LI OFFRONO GRATUITAMENTE PRESSO I PARCHEGGI O I DISRIBUTORI DI CARBURANTE. NON ACCETTATELI…ESSI CONTENGONO UN MICROCHIP ALL’INTERNO DEI GADGET.
QUESTI DELINQUENTI POI VI SEGUONO FINO A CASA E VENGONO A CONOSCENZA DEI VOSTRI MOVIMENTI PER EFFETTUARE INTRUSIONI E FURTI.
SECONDO LA POLIZIA SI TRATTA DI BANDE DI RUMENI.
DIVULGARE, PER LA SICUREZZA, ANCHE AI VOSTRI PARENTI.
Fatelo girare il più possibile.”

Non abboccate e una cosa del genere può accadere ovunque non solo nei benzinai, siamo proprio al limite !!

Categories : Bufale e Hoax Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

5 suggerimenti dal team di Hotmail per difendersi dai messaggi di posta elettronica indesiderati?

Inserito da 29 Ottobre, 2008 (0) Commenti

Si tratta di :Phishing e Truffe

Ritenendo utile questa e-mail proposta dalla Newsletter, pubblico in versione integrale questa E-mail scritta da Microsoft contro il phishing

Gentile utente,

Hotmail è impegnata a difendere la tua posta dai messaggi indesiderati e ogni giorno vengono bloccati oltre 4,5 miliardi di messaggi in tutto il mondo. Disponiamo di un team dedicato che si adopera costantemente per ridurre ed eliminare i messaggi indesiderati dalle caselle di posta di Hotmail.

Recentemente ci è pervenuta una crescente richiesta di verifica della legittimità di messaggi di posta elettronica ricevuti. Abbiamo quindi creato questa guida per aiutare tutti gli utenti di Hotmail a riconoscere i messaggi indesiderati che riescono a eludere i nostri filtri.

1) Diffida dai messaggi che richiedono i tuoi dati personali.
Qualsiasi messaggio di posta in cui sia richiesto il tuo nome, la data di nascita, il codice fiscale, il nome utente e la password di posta elettronica o qualsiasi altro tipo di dato personale, indipendentemente dal mittente, è quasi certamente un messaggio indesiderato.

Se hai motivo di dubitare che un messaggio sia legittimo, non rispondere al messaggio o non selezionare alcun collegamento ipertestuale. Copia e incolla l’URL oppure visita il sito Web della società per ottenere informazioni sui contatti. Non esitare a contattare il canale di supporto della società per confermare la legittimità del messaggio ricevuto.

2) Leggi attentamente i messaggi di posta elettronica che ti sembrano sospetti.
I messaggi che contengono poche parole, errori ortografici o frasi quali “questo non è uno scherzo” oppure “inoltra questo messaggio ai tuoi amici” in genere sono messaggi indesiderati. Talvolta i nomi o marchi delle società sono scritti in modo errato o impreciso, ad esempio, Windows Hotmail anziché Windows Live™ Hotmail.
3) Proteggi la tua password di Hotmail.
Crea una password sicura per l’account di Hotmail utilizzando più di 7 caratteri e utilizzando una combinazione di caratteri maiuscoli e minuscoli, numeri e caratteri speciali, quali i simboli chiocciola (@) o cancelletto (#). È buona norma inoltre modificare la password regolarmente.

Se ricevi una notifica da parte del Supporto tecnico Microsoft che conferma la tua richiesta di modifica della password, ma recentemente non l’hai modificata, significa che qualcuno sta cercando di ottenere l’accesso al tuo account di Hotmail. In questo caso, cambia immediatamente la password. Per modificare la password, visita il sito all’indirizzo http://account.live.com oppure, dall’interno di Hotmail, fai clic su Opzioni, quindi su Visualizza e modifica le informazioni personali. Ti verrà chiesto di eseguire di nuovo l’accesso. Una volta eseguito l’accesso, cerca”Informazioni sulla reimpostazione della password” visualizzata sotto il nome nella parte superiore della finestra. Cambia sia la password che la domanda e la risposta segrete in quanto tutte possono essere state compromesse.

4) Agisci!
Se pensi che qualcuno abbia utilizzato il tuo account di Hotmail, che la pagina di accesso di Windows Live ID sia falsa o se ricevi un messaggio di posta elettronica sospetto che chiede conferma di una modifica di password che non hai autorizzato, cambia immediatamente la password seguendo le istruzioni sopra indicate oppure visita il sito all’indirizzo: http://account.live.com.
5) Aiutaci ad identificare i nuovi messaggi indesiderati.
Se utilizzi la versione completa di Hotmail, puoi selezionare il menu a discesa accanto a “Posta indesiderata”, quindi selezionare “Segnala tentativo di phishing”. In ogni caso non rispondere al mittente del messaggio.
Per ulteriori informazioni sull’argomento, fai clic qui.
Consigliamo vivamente di conservare questo messaggio come riferimento futuro per poter agire correttamente nel caso tu riceva messaggi indesiderati aiutandoci a mantenere sicura e protetta la tua casella di posta.

Distinti saluti,

Il team di Windows Live Hotmail

*Phishing: termine che indica la pratica di attirare persone ignare su un sito Web contraffatto utilizzando messaggi di posta elettronica all’apparenza autentici, talvolta utilizzando il vero logo dell’organizzazione, nel tentativo di appropriarsi di dati personali importanti, quali i numeri delle carte di credito, le password, gli account o altre informazioni.
Categories : Phishing e Truffe Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

G.Carlo Pozzo Evidence Facto Director Internet VerifyCenter s.p.a 2002-2008

Inserito da 12 Agosto, 2008 (0) Commenti

Si tratta di :Bufale e Hoax

E’ arrivata questa buffa segnalazione

Bucoliche

dove si evince che certo Carlo Pozzo della Evidence Facto Director Internet VerifyCenter s.p.a (un nome più adatto poteva essere cassate and cassate) scrive ai clienti, non si sa di che per informare che stanno effettuando i dovuti accertamenti sul nostro sistema informatico, ma un terzo che cosa deve accertare, boh ?
La missiva dice che l’indirizzo e-mail è stato segnalato da terzi per non dire che è stato sgraffignato con qualche spam bot, o fregato da qualche lista, per continuare poi questo sedicente “facto director” titolo pomposo ma di nessun significato ci avvisa che probabilmente siamo in una lista degli indagati di agosto 2008 ed è nostro interesse controllare se il nostro nominativo è in questa lista, ma a quale lista e sopratutto se è stato proprio questo “facto director” o meglio chissà la segretaria del factor bohh alla fine non si capisce a cosa si riferisca e non si dice dove reperire questa lista non si fa nessun cenno ad altro, per finire veniamo invitati a dichiarare la nostra innocenza non si sa per quale motivo ma secondo il facto director nel nostro computer c’è traccia di materiale contraffatto e illegale e dunque dobbiamo agire e discolparci.. perchè il facto director altrimenti potrebbe indagare ancora e ancora… chissà se questo factor dispone di superpoteri chissà…

Per concludere mi sembra una mail scritta da un ragazzino o da gente immatura che così facendo si crede figa, e vuole prendere in giro a qualxcuno ma chiunque capisce che si tratta di una grande grossa bufala una vera bufala e della peggior specie… non meritava nemmeno di essere su hoax.it ma ogni tanto qualche cavolata ce la concediamo…

di seguito riporto il testo della mail per la vostra gioia

Gentile Cliente, stiamo eseguendo i dovuti accertamenti sul suo sistema informatico, il suo indirizzo email ci è stato segnalato da terzi come fruitore di materiale scaricato illegalmente dalla rete. La sua posta elettronica è sotto controllo già da 10gg, la preghiamo pertanto di voler verificare se il suo nominativo compare nella lista degli indagati Agosto 2008 onde dichiarare la sua estraneità alla detenzione di materiale illegale e contraffatto.

Certi di una sua volontaria collaborazione porgiamo
Distinti Saluti
G.Carlo Pozzi – Evidence Facto Director
Internet VerifyCenter s.p.a 2002-2008

Categories : Bufale e Hoax Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Internet:Fbi vs Facebook, e’ virus Si chiama Storm Worm e arriva con posta elettronica

Inserito da 5 Agosto, 2008 (0) Commenti

Si tratta di :Exploits,News,Sicurezza

ATTENZIONE E’ UN VIRUS PERICOLOSO
Si chiama Storm Worm e arriva con posta elettronica

508F73188D2323C1A926357EDFFD9F

WASHINGTON, 31 LUG – L’Fbi invita gli utenti della rete a stare in guardia da un nuovo virus comparso di recente nella posta elettronica, Storm Worm.Si tratta di un software maligno o malware che si cela in una e-mail dal titolo accattivante: ‘Fbi contro Facebook’. Rimandando a un presunto articolo, il link presente all’interno causa l’infezione del computer che diventa subito parte di una rete di computer infetti controllata da un remoto criminale della rete.

ANSA

WASHINGTON, JUL 31 – The Fbi invites network users to be alerted by a new virus appeared recently in the mail, Storm Worm. Is a malicious software or malware that is hidden in an e-mail titled captivating : ‘Fbi against Facebook’. inside the body there are a link that make infected pc because the computer immediately becomes part of a network of infected computers controlled by a remote criminal network.

Categories : Exploits,News,Sicurezza Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Internet: truffa sul web da 7.500 euro

Inserito da 14 Luglio, 2008 (0) Commenti

Si tratta di :News

Due fidanzati vicentini acquistano auto ma rimangono a piedi

(ANSA) – VICENZA, 13 LUG – Una coppia di giovani fidanzati vicentini acquista due auto via Internet ma resta a piedi e viene ‘alleggerita’ di 7.500 euro. La truffa elettronica e’ stata messa a segno da un sedicente commerciante romano che ha proposto la vendita di alcune auto su un sito di aste (estraneo alla vicenda). La ragazza sceglie una Volkswagen e la paga 6mila euro; il giovane, attratto da una Bmw, versa un anticipo di 1.500 euro. I versamenti sono stati eseguiti ma la consegna non e’ mai avvenuta.

VICENZA, 2008-07-13 10:43
Categories : News Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

La beta di Internet Explorer – Bufala – Hoax – Variante

Inserito da 12 Luglio, 2008 (0) Commenti

Si tratta di :Bufale e Hoax
NUOVA VARIANTE ESTIVA DELLA BUFALA…
MI ASPETTAVO QUALCOSA DI MEGLIO…. CESTINARE IMMEDIATAMENTE
Cari Amici,Leggete questa lettera ed agite velocemente.Io vi invio questa lettera, in quanto tale informazione mi è stata inviata da un professionista e caro amico.La Microsoft e AOL al giorno d’oggi le piu grandi compagnie della rete, per assicurare ad Internet Explorer il posto di programma più usato, hanno testato la versione beta di questo programma.
Quando invierete questa lettera ai vostri amici, Microsoft la controllerà (sempre che essi usino Microsoft Windows)x 2 settimane. Microsoft vi pagherà €245 per ogni persona a cui manderete questa comunicazione. Microsoft pagherà €243 per ogni vostra lettera forwardata e per ogni terza persona che riceverà la vostra comunicazione, Microsoft pagherà €241.
Tra due settimane, Microsoft si metterà in contatto con voi via e-mail e vi spedirà l’assegno.
Io all’inizio ho dubitato fino a quando, due settimane dopo che ho mandato tale comunicazione non ho ricevuto per posta elettronica la comunicazione e alcuni giorni dopo l’assegno di €24800.00.
Dovete assolutamente mandare tale comunicazione prima che termini il test della versione beta di Internet Explorer.
Colui che si può permettere tutto questo è il signor Bill Gates.
Tutte le spese di marketing sono da lui sostenute.
Dott.ssa Rosanna Grauso

Ufficio di Roma 2

Area Controllo – Team 2 Assistenza Legale – Contenzioso Tributario

e-mail: rosanna.grauso
@agenziaentrate.it

tel. 06/660383706

fax 06/660383712

Categories : Bufale e Hoax Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Alert GCSA-08066 – MS08-039 Vulnerabilita’ in Microsoft Exchange

Inserito da 9 Luglio, 2008 (0) Commenti

Si tratta di :Sicurezza

Descrizione del problema

Questo aggiornamento per la protezione risolve due vulnerabilita’
relative a Outlook Web Access (OWA) per Microsoft Exchange Server.

Sfruttando tali vulnerabilita’, un utente malintenzionato puo’
accedere ai dati di una singola sessione di un client OWA che si
connette a Outlook Web Access (OWA) per Exchange Server, acquisendo
privilegi piu’ elevati. L’utente malintenzionato puo’ quindi
eseguire qualunque operazione durante la sessione OWA del client.

Per sfruttare la vulnerabilita’ e’ necessario indurre un utente ad
aprire un messaggio di posta elettronica appositamente predisposto.

NOTA: Le vulnerabilita’ non coinvolge le versioni OWA Premium.

Categories : Sicurezza Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Bufala: Notifica di Reato su Casella Postale

Inserito da 7 Luglio, 2008 (0) Commenti

Si tratta di :Bufale e Hoax

E-mail “Reparto Reati Internet” – “Notifica di Reato su Casella Postale. Ordine di comparizione” – Maresciallo Antonio Cava

Polizia Postale: Divisione Reati Internet
Venerdi 30 Maggio 2008 ore 17.00 Roma
Oggetto : Notifica di Reato su Casella di Posta

Si notifica che sulla presente casella di posta , sono stari rilevati reati di ordine informatico.
Se siete vittima di qualche truffa informatica , la nostra divisione tecnica verificherà la vostra testimonianza. E’ necessario mettersi in contatto entra 12 ore dalla lettura della presente mail monitorata dai nostri server. Siete obbligati a fornire le Vs. generalità , in modo da non aggravare la situazione con l’apertura di un’indagine ministeriale.
— In allegato : Modulo di Contatto e lista reati —-
Comando di Polizia Postale , Divisione Internet. Comando di Roma
Maresciallo Antonio Cava

In realtà i dati forniti dall’utente vengono inviati in una posta elettronica Gmail,
e la provenienza della mail sembra essere turca, al provider TurkTelekom.

L’allegato ReatiRilevati.txt.pdxk è un virus, non deve essere aperto.

Categories : Bufale e Hoax Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Alert GCSA-08046 – MS08-027 Vulnerabilita’ in Microsoft Publisher

Inserito da 14 Maggio, 2008 (0) Commenti

Si tratta di :Sicurezza

Descrizione del problema

E’ stata individuata una vulnerabilita’ in Microsoft Office
Publisher che potrebbe essere sfruttata da un attaccante remoto per
causare condizioni di denial of service o prendere il completo
controllo di un sistema vulnerabile. La vulnerabilita’ e’ causata da
un errore presente nel modulo di convalida dei dati
dell’intestazione di un oggetto e puo’ essere sfruttata inviando un
file Publisher appositamente predisposto che potrebbe essere
contenuto in un allegato di posta elettronica o ospitato su un sito
Web appositamente predisposto o manomesso.

Se un utente e’ connesso con privilegi di amministrazione, un utente
malintenzionato che sfrutti questa vulnerabilita’ puo’ assumere il
controllo completo del sistema interessato. Potrebbe quindi
installare programmi e visualizzare, modificare o eliminare dati
oppure creare nuovi account con diritti utente completi. Pertanto,
gli utenti con account configurati in modo da disporre solo di
diritti limitati sono esposti all’attacco in misura inferiore
rispetto a quelli che operano con privilegi di amministrazione.

Categories : Sicurezza Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Alert GCSA-08045 – MS08-026 Vulnerabilita’ in Microsoft Word (951207)

Inserito da 14 Maggio, 2008 (0) Commenti

Si tratta di :Sicurezza

Descrizione del problema

Sono state individuate due vulnerabilita’ in Microsoft Word che
potrebbero essere sfruttate da un utente malintenzionato per causare
condizioni di denial of service o prendere il completo controllo di
un sistema vulnerabile.

La prima vulnerabilita’ e’ dovuta ad un errore di gestione della
memoria durante la gestione di file rtf (Rich Text Format)
appositamente predisposti. Lo sfruttamento della vulnerabilita’
potrebbe consentire l’esecuzione di codice in modalit remota
se un utente apre in Word un file rtf appositamente predisposto con
stringhe non valide o visualizza in anteprima un file rtf
appositamente predisposto con stringhe non valide nei messaggi di
posta elettronica.

La seconda vulnerabilita’ e’ dovuta ad un errore di corruzione della
memoria che si verifica durante l’elaborazione di un file Word
appositamente predisposto contenente un valore CSS non valido.
Sfruttando questa vulnerabilit, un utente malintenzionato potrebbe
assumere il pieno controllo del sistema interessato.

Categories : Sicurezza Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,