Bufala su Rc auto: dal mese di Aprile 2016 costeranno massimo 150 € annuali

Inserito da 19 Marzo, 2016 (0) Commenti

Si tratta di :Bufale e Hoax,Catene di Sant'Antonio

Bufala su Rc auto: dal mese di Aprile 2016 costeranno massimo 150 € annuali

Cambia ogni anno e forse molti condividono questa bufala perchè sono stanchi di pagare cifre così esose !

Assicurare un veicolo è diventato qualcosa di veramente impossibile, un aumento sempore crescente delle tariffe ci rende quasi più malleabili,
nel credere a Boiate del genere. La condivisione su facebook e il passaparola è già alle stelle ma si tratta di una Bufala !!!

 

tagliando_rca

 

Segue il testo della catena  Bufala :

Approvata in commissione bilancio la legge che obbliga le assicurazioni a rispettare il limite di 150 € annuali previsto dalla legge 180 del 1978 (G.U.. 990 del 24 dicembre 1969)
per la responsabilità civile verso terzi prevista dell’art. 2054 del C.C. e che nessuna compagnia ha mai rispettato.

Il Senatore Ermes Maiolica (M5S) primo firmatario e ideatore della legge ha commentato:
“Siamo stati accusati di non avere idee e proposte, questa è la dimostrazione che il nostro movimento ha le soluzioni per ridurre seriamente le spese dei cittadini, altro che gli 80 Euro di Renzi, noi non abbiamo paura di metterci contro le lobby.
Comunque siamo grati al PD e alla Lega che su questa nostra proposta non hanno fatto ostruzionismo votandola all’unanimità.”

Inoltre è stato abrogato l’esclusiva di dieci anni per i contratti assicurativi, azzerando così le spese a carico del cliente per il cambio di assicurazione, e l’esclusiva degli agenti assicurativi monomandatari.
L’effetto di questa legge sarà l’apertura del mercato della distribuzione assicurativa, Il mercato non potrà più essere segmentato per area geografica, età, anni di conseguimento della patente, tipologia di veicolo assicurato, e frequenza degli incidenti.

 

———————–

Considerazioni

La legge 180 del 1978 è la Legge Basaglia del 13 maggio 1978 dal titolo chiaro “Accertamenti e trattamenti sanitari volontari e obbligatori”. La Legge 180 è una legge che impose la chiusura dei manicomi e regolamentò il trattamento sanitario obbligatorio (TSO). Quindi non ha nulla a che fare con le auto o l’assicurazione….

il fantomatico Senatore Ermes Maiolica  è un personaggio immaginario e nella migliore ipotesi corrisponde ad un utente ignaro, altri dicono che Ermes sia un creativo, un Satirista che fa vignette usate da siti web. Quindi evitiamo di diffondere bufale del genere.

 

Categories : Bufale e Hoax,Catene di Sant'Antonio Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Chat a luci rosse in Parlamento: nei guai un senatore del Paraguay

Inserito da 17 Novembre, 2007 (0) Commenti

Si tratta di :News

scandalo durante una seduta del “congreso”. Il senatore “pizzicato” «Sarò più cauto»

Chat a luci rosse in Parlamento:
nei guai un senatore del Paraguay

Ripresa da alcuni giornalisti una conversazione virtuale con un’amica, con tanto di foto osè della ragazza

Il senatore del Paraguay Armamdno Espinola (da Internet)

Armando Espinola è l’uomo del momento in Paraguay. L’occhialuto e quasi calvo senatore liberale è stato, infatti, sorpreso a chattare con una ragazza sconosciuta durante una seduta del Congreso (il parlamento bicamerale, ndr), mentre si stava discutendo, fra le altre cose, anche della creazione dell’Orchestra Sinfonica Nazionale e del tributo al musicista Florentin Gimenez. CONVERSAZIONE INFUOCATA – Durante l’infuocata conversazione via Messenger la ragazza, indicata con il nome di “Catalina”, ha mostrato anche alcune sue foto nuda, per la gioia del compagno di chat, identificato semplicemente come “Armando”, e di altri due senatori – Oscar Denis e Alfredo Jaeggli – che assistevano come spettatori. Espinola era talmente infervorato nella “chiacchierata online” da non accorgersi che alcuni giornalisti lo stavano guardando e gli stavano scattando delle foto. Foto che sono finite sull’agenzia Ultima Hora e da qui sulla Rete, esponendo così l’uomo politico alla pubblica vergogna. Non solo. Ad un certo punto, il senatore ha pure alzato un braccio per votare una delle norme in discussione nella seduta, sebbene il sospetto che non sapesse nemmeno di cosa si trattasse è quasi certezza, visto che solo dopo qualche minuto ha saputo che era per la legge sulla salute sessuale e la riproduzione.

GIUSTIFICAZIONI – Dopo essere stato beccato con le mani sulla tastiera e la faccia incollata al video, Espinola ha cercato di giustificarsi a Radio 1° de Marzo, spiegando che stava chattando con un amico e che sarebbe stato proprio quest’ultimo a inviargli le foto della ragazza seminuda, che lui avrebbe poi commentato per scherzo con gli altri due colleghi. Quanto a “Catalina”, la donna sarebbe solo una parente, che non avrebbe nulla a che fare con l’altra storia e con la quale il senatore dice di non avere alcun rapporto intimo. Il blog paraguayano El Brujo Politicoha, però, pubblicato un estratto della chat dove “Catalina” si diverte a provocare i tre uomini che la stanno guardando e chiede ad “Armando” un regalo, l’ultimo profumo di Christian Dior. Le immagini del “broccolamento virtuale” del senatore liberale con la sua “amica” misteriosa sono anche diventate un video musicale dal titolo Video hot de Armando che sta spopolando nel paese sudamericano.

«SARO’ PIU’ CAUTO» – Espinola, leader del movimento “Unidad para la Victoria Liberal” e fautore di una politica al servizio della gente, ha smentito di non sapere di cosa si stesse dibattendo in Aula. «Leggo sempre l’ordine del giorno dei lavori in programma – ha spiegato – quindi sapevo gli argomenti che venivano trattati. Comunque, ho imparato la lezione e mi dispiace aver commesso questa imprudenza. Come uomo pubblico, infatti, avrei dovuto sapere che ogni nostro gesto, ogni nostra conversazione finisce sotto il controllo della stampa. D’ora in avanti sarà più cauto». La chat a luci quasi rosse del senatore ha, però, portato alla luce il segreto meno segreto del governo del Paraguay: ovvero, l’uso personale dei PC forniti agli esponenti politici dal Congreso e regalo del governo di Taiwan.

Simona Marchetti

Fonte : Corriere

dal blog spagnolo ARMAAAANDO…..

Paraguay: El chat del senador erótico


En todas partes se cuecen habas. Al igual que en nuestro Congreso cholo, con empleados fantasmas, una serie de gollerías y una precaria imagen ante la población, en Paraguay la cosa parece que no es muy diferente. Allí, en el propio Congreso paraguayo, un congresista fue pescado en un chat super erótico. El legislador mantuvo una charla de alto voltaje con una joven, quien le mostró fotografías desnudas.

Las fotografías lo dicen todo: Armando Espínola, senador liberal, pasó parte importante de la sesión legislativa de ayer chateando con una joven, quien le envió una imagen en una pose comprometedora, informó el portal Última Hora.

Mientras sus colegas Óscar Denis y Alfredo Jaeggli se sumaron a la conversación y, entre bromas, opinaron sobre la mujer, en el recinto se trataba la creación de la Orquesta Sinfónica nacional y el homenaje al músico Florentín Giménez.

La conversación se realizó vía Messenger. La mujer se identificó como “Catalina”, mientras que el legislador fue, simplemente, “Armando”.

Tan concentrado estaba Espínola en su charla que no se percató que varios periodistas lo estaban fotografiando. Incluso levantó la mano al momento de votar una de las normas que estaba en discusión, aunque se sospecha que no tenía mucha idea de lo que se estaba hablando en el recinto. Y pocos minutos después iba a tratarse la Ley de Salud Sexual y Reproductiva.

Este hecho desnudó algo que era un secreto a voces: el uso personal que los legisladores dan a las PC dadas por el Congreso paraguayo, que llegaron a las autoridades producto de una donación del Gobierno de Taiwán.

“Era una pariente”
En tanto, Espínola declaró a la emisora de Asunción Radio 1º de Marzo que estaba chateando con un amigo, quien fue el que le mandó la fotografía de la mujer semidesnuda, y que la otra conversación la estaba manteniendo con una “pariente que no tiene nada que ver con este asunto y con quien no tengo ninguna relación íntima ni nada”.

Por otra parte, aclaró que sabía perfectamente qué se estaba tratando en el recinto, porque siempre lee el orden del día antes del inicio de la sesión.

“Como hombre público tengo que sacar la lección que en cada acto uno esta expuesto al escrutinio de la prensa. Voy a ser más prudente. Lamento mucho haber cometido esa imprudencia“, finalizó el legislador.

Extracto del chat de Armando Espínola:

Armando: Jaeggli no cree que seas vos. Tampoco Óscar.
Catalina: no me parezco pio, vida.
Armando: Sí. No entiendo qué puta decís por los dibujitos de mierda.
Catalina: o sea que él piensa que no estoy tan bien como la de la fotografía.
Catalina: qué me darás. Me encantan los regalos
Armando: vas a ver.
Catalina: qué veré. El último perfume de Cristian Dior Midnigth. Sí porfi. Mil gracias.

Categories : News Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,