Bufala > La NASA ha scoperto un’ ALTRA TERRA, LE FOTO MERAVIGLIOSE.

Inserito da 18 febbraio, 2017 (0) Commenti

Si tratta di :Bufale e Hoax,hoax

ATTENZIONE SI TRATTA DI UNA BUFALA, UNA FAKE NEWS UNA NOTIZIA FALSA IN QUANTO la scoperta è stata ufficialmente annunciata il 17 aprile 2014 non nel 2017

La NASA ha scoperto un’ ALTRA TERRA, LE FOTO MERAVIGLIOSE.

 

Il “Kepler Space Telescope” della NASA ha recentemente scoperto un pianeta simile alla Terra che orbita intorno a una stella all’interno di una zona della nostra galassia. Kepler-186F a circa 500 anni luce dalla Terra, nella costellazione del Cigno.

Gli studi portato alla scoperta di un’altra zona abitabile della nostra galassia, conosciuta anche come la zona Goldilocks, la regione ruota attorno a una stella e sembra che i pianeti abbiano una pressione atmosferica sufficiente da contenere grandi quantità di acqua. E’ stato stimato che ci sono almeno 40 miliardi di pianeti delle dimensioni della Terra che orbitano nella nostra Via Lattea, ma questo in particolare è stato etichettato come il primo pianeta delle dimensioni della Terra, abitabile e che ruota attorno ad una stella.

Oltre a Kepler-186F, ci sono quattro altri pianeti che orbitano attorno alla stella vicina all’interno del sistema Kepler-186 f. Ciò significa che questa stella è simile al nostro Sole,e che le probabilità di vita su questo pianeta aumentano in modo esponenziale.

“Conosciamo solo pianeta in cui esiste la vita – la Terra. Quando si cerca la vita al di fuori del nostro sistema solare ci concentriamo sulla ricerca di pianeti con caratteristiche che imitano quello della Terra “, ha detto Elisa Quintana, ricercatore presso l’Istituto SETI a Ames Research Center della NASA a Moffett Field, in California “Trovare un pianeta abitabile paragonabile alla Terra per dimensioni è un importante passo in avanti.”

La stella vicina a Kepler-186F ha la metà della massa e dimensioni del nostro sole, e riceve solo un terzo dell’energia che noi riceviamo dal nostro, inoltre Kepler-186 f orbita intorno alla sua stella una volta ogni 130 giorni.

da Il Fatto Quotidaino #bufale #bufala #hoax #fakenews

Categories : Bufale e Hoax,hoax Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

«Incappucciati picchiano di notte» Scatta l’indagine ma era una bufala

Inserito da 15 febbraio, 2017 (0) Commenti

Si tratta di :Bufale e Hoax,News

I carabinieri hanno smascherato una «bufala» su due presunti picchiatori incappucciati che si aggiravano di notte e aggredivano i passanti a Cammarata, nell’Agrigentino. La notizia si era diffusa a macchia d’olio attraverso i social e aveva creato allarmismo

CAMMARATA (Agrigento) È come se il diavolo si fosse annidato fra i contatti di facebook e WhatsApp, «lambendo la casa del Signore», diceva con preoccupazione fino a un paio di giorni fa e ripete adesso con sollevata ironia don Liborio Russotto, il parroco di Cammarata dove una classica fake news, una bufala poi smascherata dai carabinieri, ha sconvolto la cittadina arroccata sui monti a metà fra Palermo e Agrigento. Col terrore che davvero nel quartiere della chiesa intitolata a San Vito e non solo girassero la sera due brutali picchiatori incappucciati, pronti a bastonare e pestare i passanti, comprese le parrocchiane all’uscita dalla Messa.

L’indagine

Un incubo proiettato fra i social da un messaggio all’altro, copiato e ricopiato, lanciato e rilanciato, ogni volta con qualche particolare in più perché c’era chi aveva saputo del bastone, delle mani insanguinate, dei cappucci calati correndo dietro le vittime. Dettagli che dilagavano nelle chiacchiere rimbalzate dai ragazzi esperti di smartphone a genitori e nonni, magari non avvezzi al linguaggio digitale. Con l’effetto di fare apparire l’invenzione una realtà, trasformata comunque in paura reale, seppure provocata da spinte virtuali. Fino ad echeggiare fra scuole, bar e negozi, uffici e Comune, compresa la caserma dei carabinieri dove il capitano Gaetano Patti s’è subito messo alla caccia degli aggressori con appostamenti notturni e interrogatori a tappeto conclusi nella certezza della bufala. Ma prima di arrivare all’ultima sequenza con il lieto fine due ragazzi hanno rischiato il peggio perché uno studente li aveva fotografati in un angolo buio, come si dice nei polizieschi, con fare sospetto. Un’istantanea finita, come ormai succede, istantaneamente su centinaia di altri cellulari. E quindi con la scoperta immediata di due nomi subito cercati e trovati su Facebook. Dove è bastato vederli immortalati in foto incappucciati e insanguinati per additarli come i picchiatori seriali dei quali, però, si continuava a parlare senza una denuncia, senza una vittima, senza un graffio. Obbligatori il controllo dei profili e gli interrogatori di quei due ragazzi disorientati, poi salvati dal capitano Patti: «Erano foto macabre scattate per carnevale, un gioco senza alcun rapporto con quelle voci».

Il parroco e l’appello

Ecco perché l’ufficiale, dopo serate passate con i suoi uomini in borghese fra vicoli e piazze del quartiere, si è presentato in parrocchia mentre cento persone allarmate parlavano di fantasmi pur essendo riunite per organizzare la festa di maggio in onore al Santissimo Crocifisso degli Angeli. E don Liborio adesso benedice ufficiali e sottufficiali: «Grazie ai carabinieri siamo usciti da una ossessione. Tutti caduti nella trappola di una falsa notizia partita da un furfante ancora senza nome e amplificata da tutti noi». Morale? «Usiamo davvero male queste diavolerie. Io non so fare zapping sul telefonino. Ne ho uno di 39 euro. So solo ricevere. Faccio fatica anche a comporre i numeri. Ma c’è chi lo usa come fosse il diavolo…». E legge con soddisfazione l’appello della presidente della Camera Laura Boldrini, bersaglio anche lei delle bufale online, promotrice dell’iniziativa «bastabufale»: «Tanti si inventano cose e frasi mai dette per suscitare odio». Ma a Cammarata con l’aggravante di far dilagare anche la psicosi dell’aggressione.

Categories : Bufale e Hoax,News Tags : , , , ,

‘J-Ax e Fedez arrestati’, ma è una bufala

Inserito da 15 febbraio, 2017 (0) Commenti

Si tratta di :Bufale e Hoax,hoax

I due artisti non sono stati arrestati si tratta di una notizia falsa, i due artisti stanno valutando se adire le vie legali

(ANSA) – MILANO, 8 FEB – “Dateci anche oggi la vostra bufala quotidiana. Ormai scommettiamo ogni giorno su quale sarà la cazzata del giorno”. Con questa dichiarazione congiunta affidata ad ANSA, i rapper J-Ax e Fedez hanno risposto stasera all’uscita della notizia riportata da un sito fake di Rolling Stone secondo la quale il duo sarebbe stato arrestato per possesso di droga.
Il sito annunciava che alle 19:40 di oggi 8 Febbraio nel centro di Milano J-Ax e Fedez sarebbero stati fermati da una pattuglia di carabinieri alla guida di un veicolo con a bordo 28 grammi di cocaina. L’ufficio stampa del duo fa sapere che i due artisti stanno valutando se adire le vie legali.

Fedez (S) e J-Ax posano per i fotografi in occasione della presentazione alla stampa del loro album “Comunisti col Rolex”; Milano, 19 gennaio 2017.
ANSA / MATTEO BAZZI

 

fonte ansa

 

Categories : Bufale e Hoax,hoax Tags : , , , ,

#Bufala Vasco Rossi duetterà con Cristina D’Avena a Verona

Inserito da 8 febbraio, 2017 (0) Commenti

Si tratta di :Bufale e Hoax,hoax

 

Attenzione si tratta di una bufala diffusa dal sito sito satirico ecorriere ignorare !!!

 

Verona. Come regalo (un poco in ritardo…) di compleanno la nota cantante di sigle dei cartoni, Cristina d’Avena ha proposto un duetto con l’idolo degli italiani, Vasco Rossi (Svascoper gli amici). I due si esibiranno in diverse sigle dei cartoni animati italiane, a partire da Candy Candy e Spank per arrivare ai più moderni Gundam Wing o una versione tutta loro di una possibile sigla di Dragon Ball super, fino a cantare insieme pezzi storici del cantautore romagnolo.
Giorgio Vanni purtroppo soffre di bronchite e non può partecipare a questa iniziativa. Il noto rocker di Zocca ha infine dichiarato: “Dopo aver sfornato molti pezzi, posso finalmente tornare dal mio pubblico più adorato: i giovani. Sarò lieto di partecipare alla fiera del fumetto di Verona con Cristina d’Avena”
Cristina d’Avena ha concluso così l’intervista: “Oltre che Vasco, mi piacerebbe cantare anche con Jovanotti, lui sì sarebbe un grande cantante per le sigle dei cartoni”
da coriere

#bufala #bufale #fakenews

Categories : Bufale e Hoax,hoax Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Bufale: per far soldi e…politica. Il caso Lisa rapita e seviziata da stranieri

Inserito da 22 gennaio, 2017 (0) Commenti

Si tratta di :Bufale e Hoax

Bufale in Rete. Quasi mai sono errori o ingenuità, quasi mai i fake sono innocenti o casuali. Le notizie inventate e immesse in circolo non sono inventate per gioco o immesse per imperizia. Servono a far soldi ed è per questo che vengono prodotte. Soprattutto a far soldi. E servono anche a far…politica. Spesso le due cose coincidono ma non è necessario che i due obiettivi coesistano in una sola bufala. Possono il far soldi e il far politica viaggiare insieme o autonomamente. In entrambi i casi comunque le bufale funzionano, producono appunto soldi e politica. Quindi chi le fabbrica e le spaccia sa quel che fa, eccome se lo fa.

Dalla Germania giunge la notizia, vera, che Facebook in Germania ha elaborato un sistema di segnalazioni della bufala in Rete. La “notizia” senza riscontro nella realtà, segnalata come tale da utente della piattaforma, sarà in qualche modo (labile) verificata dal social network e, se risultata sospetta, sarà segnalata come tale da Facebook stesso. Soprattutto la “notizia”, se sospetta di essere artefatta e inventata, Facebook non la collocherà più in cima a News Feed ma in coda. E qui, in questa collocazione e classifica, che si evidenzia il rapporto tra bufale e soldi.

Una bufala sapientemente costruita, costruita cioè con i materiali che incontrano successo in Rete (una sorta di algoritmo degli argomenti e storie che “tirano”) crea e alimenta, spesso con incremento esponenziale, il traffico appunto in Rete. Questo aumento di traffico vale soldi, chi lo produce incassa, ci guadagna soldi in proporzione. La scelta di Facebook Germania, mettere in coda la “notizia” sospetta mira ad erodere o almeno limitare l’effetto diffusione e quindi remunerazione.

Dalla Germania arriva anche una storia esemplare. La storia di Lisa, storia pluri condivisa sul web, storia di una ragazza che è diventata persona e personaggio per moltissimi tedeschi, storia di una ragazza che non esiste. Lisa sul web ha 14 anni, è stata rapita e quindi seviziata da una banda di stranieri, forse profughi, forse immigrati, di certo stranieri. Rapita e seviziata a 14 anni. Quale migliore esempio, quale migliore prova provata dell’antico e rinnovato “gli stranieri insidiano, rubano, violano le nostre donne”? Nessuna. Lisa nella realtà non esiste. Ma conta poco, conta eccome che la bufala in questo caso fa politica.

Lisa è una presenza e una star sui siti…tedeschi? Sì, tedeschi ma anche russi. E che c’entrano i russi? I siti come la Rete non conoscono confini nazionali e Lisa che non esiste è la prova materiale e la pistola fumante che accusa la Merkel di ever esposto al peggio le donne tedesche, perfino le bambine. Lisa è l’eroina di tutti i siti e gli umori anti Merkel oggi in Germania.

A Lisa fa da compagnia lo straniero che la Merkel in persona ha incontrato faccia a faccia in una pubblica occasione. Abbondano i siti dove si legge di inchieste che lo collegano o coinvolgono in attività e relazioni terroristiche. Inchieste che non esistono.

Basterà il timido accorgimento adottato da Facebook? Ovviamente no. In termini di opinione e “informazione” è dimostrato e acclarato che sul web soprattutto si cerca e si trova ciò che conferma ed esalta ciò di cui si è già convinti. E che la comunicazione liberissima sì finisce però per essere un comunicare in un circuito chiuso, autoreferente e soprattutto auto esaltante. Quindi non sarà un posto a fondo classifica a rendere meno remunerative e/o politicamente utili le bufale.

Però che perfino i grandi social network siano indotti, costretti a “fare la mossa” di fare qualcosa contro le bufale indica, purtroppo attesta che la bufala è pane quotidiano e anche companatico della comunicazione appunto sui social. Con sempre più frequenti sconfinamenti anche nella comunicazione più o meno istituzionale.

C’è chi invoca improbabili e inutili organismi internazionali di controllo. Controllo di che, con quali parametri, con quale autorità? C’è chi grida alla censura se tocchi il sacro web, anche se lo tocchi mentre mente e imbroglia per far soldi. E c’è chi dice che l’unica sta nella professionalità degli operatori dell’informazione (giornalisti?). Professionalità che è l’unico setaccio autentico che è in grado di separare la bufala dalla realtà sapendole distinguere.

Ammesso che questa professionalità esista, c’è il piccolo particolare che non è più particolarmente richiesta dal mercato e prevista nel mansionario dell’operatore nelle comunicazioni. E se pure questa professionalità esiste ancora, quanto durerà nel tempo? Dopo quanti anni ancora di profondo intreccio e intima fusione tra realtà e bufala sul web e dintorni qualcuno saprà ancora distinguere? E ammesso ancora che sappia e voglia ancora farlo, qualcuno lo pagherà ancora per farlo?

 

Kabobo non ha nulla a che fare con l’articolo ma molti hanno rielaborata la bufala sui vari social inserendo questa foto

 

Fonte Blitz

Categories : Bufale e Hoax Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Il Tg3 Rai Calabria: “Papa Francesco a Catanzaro”, ma è una bufala

Inserito da 22 gennaio, 2017 (0) Commenti

Si tratta di :Bufale e Hoax,hoax

E’ diventata virale sui social la notizia (falsa) secondo cui Papa Francesco avrebbe programmato una visita pastorale a Catanzaro per il prossimo 27 marzo. L’informazione è stata data, purtroppo, anche dal Tg3 Rai della Calabria.

La notizia infatti non trova conferma né in ambienti del clero, né sul sito del Vaticano, dove è pubblicato il calendario delle visite pastorali del Santo Padre fissate per la prossima primavera. Il bollettino della Sala stampa vaticana non menziona alcuna visita in Calabria, né radio vaticana.

Tratte in inganno anche alcune testate online, che hanno dato risalto alla falsa notizia. Bergoglio, secondo gli inventori della fake news avrebbe programmato oltre 15 visite pastorali concentrate in circa venti giorni, tra cui quella di Catanzaro il 27 marzo 2017.

Una cosa davvero impossibile per il Pontefice. La bufala ha cominciato a girare in rete su alcuni siti e poi rimbalzata nel mercimonio di Facebook ormai diventato spazio dove diffondono fake a ritmi impressionanti da dare in pasto ad una massa altrettanto impressionante di creduloni. Ma se a scivolare clamorosamente sulle bufale diffuse su rete e social è anche la Rai…L’emittente di Stato si è poi scusata con i telespettatori.

Fonte SecondoPiano

Categories : Bufale e Hoax,hoax Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Ritiro patente a 60 anni

Inserito da 17 gennaio, 2017 (0) Commenti

Si tratta di :Bufale e Hoax

SI TRATTA DI UNA BUFALA, NESSUN RITIRO !!

La nuova legge, in realtà, prevede la possibilità di rinnovo della patente da parte degli anziani con controlli sulla validità psichica e fisica della persona. Il Codice della Strada, art. 126 “Durata e conferma della validità della patente di guida” afferma che le patenti di guida delle categorie AM, A1, A2, A, B1, B e BE sono valide per dieci anni, ma qualora siano rilasciate o confermate a chi ha superato il cinquantesimo anno di età, sono valide per cinque anni, mentre per chi ha superato il settantesimo anno di età sono valide per tre anni.

Anche al compimento dell’80esimo anno di età si potrà rinnovare la patente di guida.

Gli anziani in questione potranno rinnovare la validità della patente posseduta ogni due anni, sempre previa verifica della sussistenza dei requisiti fisici e psichici. Requisiti che dovranno risultare idonei presso gli uffici dell’unità sanitaria locale.

 

Categories : Bufale e Hoax Tags : , , , , , ,

La bufala del Whats App che diventerà a pagamento

Inserito da 6 settembre, 2016 (0) Commenti

Si tratta di :Bufale e Hoax,hoax

Si tratta di una bufala

WhatsApp_logo

Sabato mattina whatsapp diventerà a pagamento! Se hai almeno venti contatti manda questo messaggio a loro. Così risulterà che sei un utilizzatore assiduo e il tuo logo diventerà blu e resterà gratuito (ne hanno parlato al tg). Whatsapp costerà 0,01€ al messaggio. Mandalo a dieci persone. “Salve, siamo Andy e Jonh, i direttori di whatsapp. Qualche mese fa vi abbiamo avvertito che da quest’estate whatsapp non sarebbe stato più gratuito; noi facciamo sempre ciò che diciamo, infatti, le comunchiamo che da oggi whatsapp avrá il costo di 1 euro al mese. Se vuole continuare ad utilizzare il suo account gratuitamente invii questo messaggio a 20 contatti nella sua rubrica, se lo farà, le arriverá un sms dal numero: 123#57 e le comunicheranno che whatsapp per LEI è gratis!!! GRAZIE…. e se non ci credete controllate voi stessi sul nostro sito (www.whatsapp.com). ARRIVEDERCI. PS: quando lo farai la luce diventerà blu (se non lo manderai l’agenzia di whatsapp ti attiverà il costo ).”

Categories : Bufale e Hoax,hoax Tags : , , ,

Compra smartphone su web e le arriva un limone

Inserito da 28 agosto, 2016 (0) Commenti

Si tratta di :Phishing e Truffe

Vittima è giovane in vacanza a Stintino, denunciato calabrese

limone-013

Trecento euro in contanti, pagati sull’unghia al momento della consegna, per un limone. È la tragicomica vicenda in cui è incappata una giovane studentessa di Bergamo che da qualche giorno si trova in vacanza in Sardegna, a Stintino.

La ragazza, poco più che ventenne, è stata attratta da un’offerta su Subito.it (uno dei più conosciuti e utilizzati siti internet per gli acquisti online), relativa a uno smartphone di ultima generazione a un prezzo davvero vantaggioso. La turista ha deciso di acquistarlo e di farselo recapitare in vacanza, scegliendo il pagamento contrassegno.

Una volta ricevuto il pacco, la sorpresa: all’interno non c’è traccia di telefoni ma c’è un limone. Immediatamente ha denunciato l’accaduto ai carabinieri di Stintino, che sono risaliti al truffatore, un quarantunenne di Vibo Valentia che è stato denunciato per truffa.

Fonte: Ansa

Categories : Phishing e Truffe Tags : , , ,

Bufala: Sei stato scelto a caso per testare il nuovo Iphone 7 – 2016

Inserito da 21 luglio, 2016 (0) Commenti

Si tratta di :Bufale e Hoax

Si tratta di una Bufala che si apre durante la navigazione da tablet o smatphone con Android bisogna ingnorare il messaggio bufala per non incorrere in qualche trappola. Non si viene scelti così a caso anche se vediamo ” Sei stato scelto a caso per testare il nuovo Iphone 7 – 2016″
tmp_32058-Screenshot_2016-07-21-15-22-31182624514

tmp_32058-Screenshot_2016-07-21-15-30-43-1738053249

 

 

Categories : Bufale e Hoax Tags : , , ,