Catania: Ritorna la Manipolazione di una frase di Monsignor Echevarria riferita ad un sondaggio sui portatori di Handicap

Inserito da 6 Marzo, 2016 (0) Commenti

Si tratta di :Bufale e Hoax,Catene di Sant'Antonio

Catania: Ritorna sui social le “manipolazioni” su una frase di Monsignor Echevarria
malinterpretata e riferita ad un sondaggio del 1997  sui portatori di Handicap.
la frase virgolettata sulle presunte affermazioni  è questa “Un sondaggio dice che il 90 per cento degli handicappati
sono figli di genitori che non sono arrivati puri al matrimonio”.

Ovviamente questa frase ha generato una valaga di critiche ma si riferiva ai  figli delle sieropositive.

Andare a ripescare notizia vecchie fa proprio pena e il fatto che stia girando nuovamente sulle bacheche
non fa altro che farci capire a che livello sta scendendo il web . E basta poco per far scatuire critiche e commenti impropri anche su “presunte affermazioni” sui disabili fatte dal Prelato dell’Opus Dei, Mons. Javier Echevarrìa, a Catania nel 1997.

image

***********************************

A proposito di una falsa notizia sul Prelato dell’Opus Dei che sta girando su internet

Sta girando sul web una notizia riguardo alcune presunte affermazioni sui disabili fatte dal Prelato dell’Opus Dei, Mons. Javier Echevarrìa, a Catania nel 1997.

In realtà si tratta di una questione chiusa a suo tempo (15 anni fa) in un’ampia intervista ad Avvenire in cui il Prelato chiarì dicendo: “Smentisco che quella frase corrisponda al mio pensiero di uomo, di cristiano e di sacerdote, l’affermazione che il novanta per cento degli handicappati sono figli di genitori che non sono arrivati puri al matrimonio è priva di senso, un’assurdità”. Il fraintendimento delle sue parole è avvenuto durante un incontro informale alla presenza di di molte famiglie in cui il Prelato aveva parlato della virtù della castità e del suo valore “capace di svelarci la pienezza dell’amore umano”.

L’amore per i disabili e per i sofferenti è una componente essenziale dello spirito cristiano che si vive nell’Opus Dei. Molti fedeli dell’Opera hanno figli e familiari diversamente abili che accolgono con amore e dedizione.

Esistono anche alcune iniziative sociali promosse da fedeli dell’Opera come ad esempio la Fondazione Espurna (http://www.opusdei.it/art.php?p=25234) che si occupa dell’assistenza a persone affette da sindrome di Down.

In allegato l’intervista a Mons. Javier Echevarría che chiarì l’infondatezza della questione.

L’articolo del Corriere della Sera:

Handicap, gaffe dell’ Opus Dei

Monsignor Echevarria: sondaggio rivela che i genitori dei disabili non sono arrivati puri al matrimonio. Le associazioni: orrore e disagio. La smentita: frase colloquiale, si riferiva ai figli delle sieropositive. ” un equivoco, ma e’ pericoloso: accende dibattiti regressivi “

Handicap, gaffe dell’Opus Dei Monsignor Echevarria: sondaggio rivela che i genitori dei disabili non sono arrivati puri al matrimonio Le associazioni: orrore e disagio. La smentita: frase colloquiale, si riferiva ai figli delle sieropositive

CATANIA – “Un sondaggio dice che il 90 per cento degli handicappati sono figli di genitori che non sono arrivati puri al matrimonio”. Un virgolettato di appena due righe riportato ieri solo nelle pagine catanesi del “Giornale di Sicilia”. Tanto e’ bastato a provocare una valanga di critiche. Destinatario e’ il capo dell’Opus Dei, il vescovo Saverio Echevarria, che mercoledi’ sera ha pronunciato queste parole davanti a 1.500 persone provenienti da tutta la Sicilia. La visita a Catania del capo dell’Opus Dei era passata sotto silenzio. E del resto l’incontro era riservato ai componenti dell’organizzazione religiosa fondata dal beato Escriva’.

Ma l’articolo del “Giornale di Sicilia” ha presto fatto il giro d’Italia e ieri pomeriggio sono cominciate ad arrivare le reazioni. Durissima quella dell’Associazione Down. “Non possiamo che esprimere orrore e disagio per una tale affermazione – si legge in una nota -, non soltanto priva di ogni validita’ scientifica ma anche priva di ogni forma di sensibilita’ e rispetto umano. Il fatto che tale mancanza di attenzione venga da un autorevole membro della Chiesa ci fa vivere con ancora maggiore dolore tale evento.

Ci auguriamo che Echevarria provveda a correggere e a chiedere scusa agli handicappati”. Dello stesso tenore anche altre associazioni. Per l’Anffa (Associazione famiglie e fanciulli subnormali) “quella di Echevarria e’ un’affermazione molto grave da un punto di vista psicologico, perche’ aumenta il senso di colpa nel quale vivono spesso i genitori degli handicappati, anche quando non esiste alcun tipo di responsabilita’. Il vescovo ha offeso non solo gli handicappati ma anche quanti operano in questo settore”. Imbarazzata la replica dell’Opus Dei affidata al direttore dell’ufficio informazioni Pippo Corigliano.

“E’ escluso che Echevarria parlasse di handicappati in senso proprio. Il suo era un discorso colloquiale. Ha fornito questo dato scientifico riferendosi, pero’, ai bambini sieropositivi nati da madri sieropositive. Non dunque agli handicappati”. Mercoledi’ sera monsignor Echevarria ha parlato a lungo della purezza nell’accostarsi al matrimonio: “Mantenete una santa purezza, arrivate al matrimonio con un corpo pulito e restate tali”.

Quindi ha pronunciato la frase incriminata. Molti componenti dell’Opus Dei presenti all’incontro parlano “di un qui pro quo dovuto anche alla scarsa padronanza della lingua italiana e comunque nell’ambito di un discorso relativo alle malattie che si trasmettono per via sessuale”. Insomma, secondo l’Opus Dei il riferimento non era agli handicappati ma ai sieropositivi. Una precisazione destinata a innescare altre polemiche.

L’EX MINISTRO GUIDI “Un equivoco, ma e’ pericoloso: accende dibattiti regressivi”

MILANO – “Non puo’ che essere stato un equivoco. Quella frase non ha senso: ne’ dal punto di vista scientifi – co, ne’ da quello dei valori”. Antonio Guidi, ex ministro e deputato di For – za Italia, non vuole credere che mon – signor Echevarria abbia pronunciato quelle parole.

“Certe affermazioni accendono un dibattito regressivo, dopo che, con molte difficolta’, abbiamo sradicato quella cultura che ghettizzava noi portatori di handicap. Ma la posizione della Chiesa e’ sempre stata chiara, basti pensare alle poesie del Papa o al cardinale Ratzinger che ha sempre sostenuto l’handicap come valore e non come una condizione da punire. E’ stata una gaffe, ne sono certo”.

Pero’ pericolosa. “Certo, legare il peccato all’handicap e’ come dire che l’handicap e’ una colpa da scontare. Lo ricordate? Dicevano che se una donna in gravidanza guardava un handicappato avrebbe partorito un handicappato! Quei tempi, fortunatamente, sono finiti”.

Pero’ lei sostiene che i disabili vivano ancora oggi in “gabbie invisibili”. “E’ vero, c’e’ la logica dell’elargizione: hanno garantito ai disabili il diritto alla scuola e allo sport, pero’ guai a dire che fanno l’amore. E’ una ghettizzazione, solo piu’ raffinata”.

*********************

Link correlato  Abruzzo24oretv

Categories : Bufale e Hoax,Catene di Sant'Antonio Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

eContent Award 2011 – Italy

Inserito da 29 Dicembre, 2011 (0) Commenti

Si tratta di :News

Il 21 dicembre si è svolta, nella sala “Quaroni” dell’Ente EUR di Roma, la cerimonia di premiazione di “eContent Award 2011”, premio per il migliori contenuti e servizi in formato digitale. Silvio Passalacqua è onorato di essere tra i premiati dell’eContent Award Italy 2011. Un prestigioso premio che seleziona i migliori contenuti digitali realizzati in Italia e che valorizza la creatività in formato digitale…

Italian eContent Award 2011 e’ organizzato dalla Fondazione Politecnico di Milano e MEDICI Framework e ispirato dal WSA – WORLD SUMMIT AWARD al fine di selezionare e-Contents di alta qualita’ e promuovere la creativita’ e l’innovazione nel settore dei Nuovi Media in Italia. Questo premio si pone molteplici obiettivi: incoraggia la creativita’, porta i Giovani Talenti verso concorsi internazionali, candida gli otto migliori prodotti italiani eContent (uno per ciascuna categoria: eBusiness and eCommerce, eCulture and Heritage, eEntertainment and Games, eGovernment and Institutions, eHealth and Environment, eInclusion and Participation, eLearning and Education, eScience and Technology) quali rappresentanti ufficiali per l’Italia alla prossima edizione del World Summit Award (2013).

Silvio Passalacqua è
stato il primo classificato nella Categoria Education for All!
per aver realizzato il sito internet www.labussoladellarete.it una risorsa didattica destinata ai bambini, agli insegnanti, agli stranieri. Il sito è stato realizzato in lingua italiana, in lingua inglese e in una versione mobile per cellulari. C’è un test di matematica, un test di informatica e una sezione dedicata all’inglese. Ci sono molte canzoncine per bambini, disegni da colorare,tabelline “parlanti”. Si riescono ad imparare i numeri con un sistema semplice ed intuitivo.

Nell’edizione 2010 il Passalacqua aveva ottenuto il primo posto nella categoria eLearning and Education per aver realizzato il sito www.studiolegalelicciardello.it una risorsa didattica destinata a studenti universitari e professionisti. Quindi continua il successo nel settore della formazione on line dai bambini agli universitari e professionisti.

Il sito www.digitalrevolution.it, realizzato in lingua inglese, ha ricevuto nel 2011 una Menzione Speciale nella Categoria eLearning and Education, e una Targa per aver conquistato il terzo posto nella Categoria Create your Culture!.
Grazie all’eContent Award vengono messi in risalto i maggiori aspetti e sezioni della futura Knowledge Society, mettendo in evidenza, durante la competizione stessa ed il processo di valutazione, il valore aggiunto dei contenuti multimediali e digitali per differenti gruppi di utenti e varie finalita’. Contenuto e creativita’ sono gli aspetti chiave, senza i quali ci troveremmo di fronte ad un mondo digitale completamente vuoto e privo di significato.

Nell’edizione 2010 il Passalacqua aveva ottenuto il secondo posto nella categoria Go green ! per aver realizzato il sito www.forgreenworld.it, il secondo posto nella categoria eInclusion and Partecipation per catenanuova.com e il primo posto della Categoria eLearning and Education per il sito dello studio legale.

L’eContent Award Italy è nato per “sostenere la creatività e l’innovazione nel settore dei nuovi media, individuare su scala nazionale i migliori contenuti digitali e promuovere la loro diffusione in campo internazionale”, rappresenteranno ufficialmente l’Italia al prestigioso “World Summit Award”, patrocinato da ONU e ITU (International Telecommunication Union).

L’ eContent Award Italy e’ unico in Italia per il lungo processo di valutazione, il valore aggiunto dei contenuti multimediali e digitali per differenti gruppi di utenti e varie finalita’. Contenuto e creativita’ sono gli aspetti chiave, senza i quali ci troveremmo di fronte ad un mondo digitale completamente vuoto e privo di significato.

L’ eContent Award italiano si presenta come un concorso in grado di offrire benefici a ciascun partecipante. E’ una piattaforma di “showcasing” e “networking” per prodotti e-Content ed un’occasione unica offerta agli autori per ottenere un pubblico riconoscimento al di fuori dei mercati convenzionali e dalle comunita’ di utenti. E’ un’opportunita’ unica per i giovani talenti di far conoscere i loro prodotti e condividere idee e tecniche con professionisti ed esperti di fama mondiale. L’ eContent Award Italy, come gia’ avviene per il WSA, ha inoltre generato due ulteriori “output” si rilievo:

  • Il diritto di uso/showcase dei piu’ significativi prodotti mondiali e-Content di alta qualita’
  • Un network importante di esperti e personaggi chiave sia in Italia che a livello mondiale.

Per esprimere al meglio queste eccezionali risorse, l’ eContent Award Italy sta pianificando di condurre un Best Contents Road Show nazionale, organizzato in varie Regioni su invito o collaborazione con i partners chiave locali. Scopo del Best Contents Road Show e’ di creare uno showcase dei migliori prodotti e-Content mondiali anche attraverso il WSA Road Show ed evidenziare l’ importanza dell’ e-Content di qualita’ nello sviluppo della Knowledge Society.

L’ organizzazione del progetto e’ gestita dalla Fondazione Politecnico di Milano ed il Segretariato e’ gestito da European Commission MEDICI Framework

Categories : News Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,