Multa Siae per suoneria cellulare

si tratta di una notizia falsa, non è la suoneria del telefonino
ma un telefono usato insieme ad un impianto di amplificazione portatile.

smartphone-android

Ha suscitato molto scalpore  nel web e sui vari social network la storia di un uomo che si è visto applicare dalla Siae una multa per la suoneria del cellulare.  A divulgare la notizia è stata proprio la presunta vittima Mario Rossi,  un macellaio della Campania,
il quale si è molto indispettito per aver  subito un’ispezione dopo che era squillato nella macelleria  il telefono di una sua dipendente.

Si fa presente che di solito la Siae non va a multare per un semplice squillo:  lo smartphone era un impianto di amplificazione portatile che fungeva da mini stereo ed era collegato alle casse. Quindi la “fantomatica” multa che si è persa tra le varie versioni diffuse in rete e con protagonisti diversi  è stata per la suoneria del cellulare.
Non bisogna alimentare questo tipo di storielle o creare allarmismi poichè è da un bel pezzo che nei telefonini è possibile inserire una melodia. Persino nei vecchi modelli si poteva copiare lo spartito e personalizzare le suonerie, figuriamoci con tutte le nuove tecnologie… Si ripete è meglio evitare di creare farlsi allarmi e invadere i vari social e le varie caselle di posta elettronica con questi messaggi che sono del tutto infondati e generano malumori senza avere una vera base concreta.

Nessuno quindi  di solito va a multare un tizio per la suoneria dello smarphone.

Questa voce è stata pubblicata in Bufale e Hoax, Curiosità e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.