Palermo, Gdf arresta tre tombaroli bloccati con reperti

PALERMO – Operazione della Guardia di finanza contro il traffico di reperti archeologici rubati. In manette sono finiti tre tombaroli catanesi bloccati stamattina sull’autostrada Palermo-Catania (all’altezza dell’area di servizio di Scillato). Ad ammanettarli gli uomini delle Fiamme gialle della Compagnia di Termini Imerese che hanno recuperato monete ed altri reperti antichi, trafugati all’interno del sito di Himera, una delle aree archeologiche piu’ importanti della Sicilia. Le manette sono scattate dopo un lungo appostamento notturno. All’interno dell’auto dei tombaroli e’ stato ritrovato quello che i militari definiscono “un piccolo museo clandestino” e tutta l’attrezzatura necessaria per svolgere scavi abusivi: quattro monete greche, una delle quali della zecca di Akragas; quattro punte di freccia di bronzo a sezione triangolare, quattro bastoni di legno; una pala, ancora sporca; un metaldetector; due picconi ed alcune lampade tascabili. Gli arrestati sono muratori di mezza eta’, attualmente disoccupati.

Fonte: Italpress

Questa voce è stata pubblicata in News e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.